Coronavirus: von der Leyen, ‘lockdown cruciale, ma ha un costo enorme’ 

Coronavirus, von der Leyen: Lockdown cruciale, ma ha un costo enorme

(Afp)

Pubblicato il: 15/04/2020 19:09

Le misure restrittive adottate dagli Stati membri dell’Ue “sono state cruciali per ridurre il numero dei nuovi contagi di Covid-19. Questo ha aiutato i nostri sistemi sanitari a farvi fronte, ma queste misure hanno un costo enorme“. Lo ha sottolineato la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, presentando a Bruxelles in una conferenza stampa on line al fianco di Charles Michel la “Joint European Roadmap towards lifting Covid-19 containment measures” (Roadmap europea congiunta verso la rimozione delle misure di contenimento della Covid-19).

Milioni di persone – ha aggiunto von der Leyen – sono rinchiuse in casa, troppo spesso in alloggi piccoli, si devono destreggiare tra il telelavoro e la vita familiare, i ragazzi e i bambini devono adattarsi ad imparare da casa e sono limitati nelle loro attività, le persone anziane sono isolate per protezione”.

“A queste difficoltà generali – ha detto ancora – si aggiunge una lunga lista di problemi economici per i nostri cittadini. I negozi, i ristoranti, le fabbriche hanno tutti chiuso i battenti, hanno perso la maggior parte della loro attività, e il commercio ha rallentato enormemente dappertutto nel mondo”.

“I governi – ha proseguito von der Leyen – usano tutte le misure possibili per rafforzare i servizi sanitari, per sostenere le imprese e i lavoratori autonomi. Tutto questo ha un costo gigantesco”.

Le misure adottate finora nell’Ue “rappresentano circa 3mila miliardi di euro. Altre misure arriveranno, come dimostra il risultato dell’Eurogruppo della settimana scorsa. In questo contesto le autorità pubbliche devono valutare molto attentamente quale sia il momento migliore per cominciare a rimuovere le misure restrittive, una dopo l’altra”.

“E un compito molto difficile – ha aggiunto la presidente dell’esecutivo Ue – gli Stati membri dell’Ue sono stati colpiti in modo differente sia per quanto riguarda l’intensità che per quanto riguarda il calendario della pandemia”.

“Quindi – ha aggiunto von der Leyen – non esiste un approccio che vada bene per tutti quanti, ma l’approccio al contrario deve essere su misura in ogni Stato membro”.

I capi di Stato e di governo dell’Ue, ha continuato, “ci hanno incaricati di stilare una Roadmap che assicuri un’uscita coordinata delle misure restrittive. Oggi consegniamo questo lavoro: voglio essere chiara, questo non è un segnale che le misure di contenimento di confinamento possono essere rimosse fin da ora”.

La Roadmap, “al contrario, mira a fornire un quadro per le decisioni che spettano agli Stati membri. In generale, noi raccomandiamo un approccio graduale: ogni azione deve essere sottoposta a continue monitoraggio, come va continuamente monitorata – ha concluso – una qualsiasi risorgenza del virus oppure se la diffusione del coronavirus Sars-Cov-2 rimane stabile, al di sotto di una certa soglia”.