Coronavirus, il piano per la ripartenza 

Coronavirus, il piano per la ripartenza

(Fotogramma)

Pubblicato il: 16/04/2020 17:51

Semplificazione e accelerazione degli investimenti in opere pubbliche accanto alla crescita economica e allo sviluppo sostenibile delle comunità locali. Sono gli obiettivi contenuti in una bozza del Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica del governo che fa una sintesi delle proposte di diverse associazioni e istituti (dall’Ance a Cdp ma anche Investitalia, Assaeroporti e Aiscat) sulla crescita.

Dalle infrastrutture sicure al sostegno alle attività produttive, il Dipe mette nero su bianco le proposte per incentivare una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva ed un lavoro dignitoso per tutti. Sul fronte delle opere infrastrutturali si sottolinea l’importanza di “costruire una infrastruttura resiliente e promuovere l’innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile”.

Tra le proposte delle associazioni dei concessionari autostradali e di quelli aeroportuali una moratoria sul pagamento degli oneri concessori, fiscali e contributivi durante l’emergenza Covid e l’assunzione da parte dello Stato degli oneri delle attività necessarie per continuare a garantire l’operatività degli aeroporti rimasti attivi. In particolare sul fronte aeroporti Assaeroporti chiede misure non discriminatorie per tutti i soggetti e non solo a favore di Alitalia e Alitalia Cityliner e l’apertura di un tavolo con le istituzioni.

Fari sui Comuni in termini di rilancio delle infrastrutture: “Sono soggetti a vincoli risalenti a quasi 10 anni fa su voci di spesa essenziali per far funzionare la struttura e attuare le riforme”. Nel testo si sottolinea inoltre, tra le altre proposte, l’importanza di “promuovere politiche orientate allo sviluppo che supportino le attività produttive, la creazione di lavoro dignitoso, l’imprenditorialità, la creatività e l’innovazione, e favorire la formalizzazione e la crescita delle micro, piccole e medie imprese, anche attraverso l’accesso ai servizi finanziari”.