Coronavirus: italiani in quarantena, +37% ricerche offerte per telefonia mobile 

Pubblicato da in data 15 Aprile 2020

Italiani in quarantena, come cambiano le necessità

Pubblicato il: 16/04/2020 10:44

L’emergenza Coronavirus sta costringendo milioni di italiani alla quarantena forzata e, quindi, a cambiare abitudini. Facile.it ha analizzato come è mutata la ricerca di prodotti resi sempre più importanti dall’obbligo di stare a casa e, ad esempio, a marzo 2020, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, ha rilevato un incremento del 27% delle richieste legate alle connessioni internet casa, siano esse via Adsl o fibra e addirittura un +37% per la telefonia mobile. Lo studio è stato realizzato su un campione di oltre 637.000 form compilati dagli utenti di Facile.it.

Con un +27%, dunque, il prodotto Internet casa (fibra ottica e Adsl) è risultato essere sia il più ricercato sia fra quelli cresciuti maggiormente in termini di domanda. Facile immaginare che, visto l’incremento dell’attività di smart working e delle video lezioni per i ragazzi, molte famiglie abbiano dovuto optare per una linea dati più potente rispetto a quella che avevano prima dell’emergenza Covid e, impossibilitati ad uscire di casa, per trovare la migliore offerta disponibile si siano rivolti al web.

Un boom di domande addirittura maggiore si è registrato per le tariffe di telefonia mobile; nel mese appena concluso è stato evidenziato un aumento di richieste pari al 37% rispetto al medesimo periodo del 2019. La spiegazione, ancora una volta, può essere trovata nel cambiamento delle abitudini di milioni di italiani che utilizzano maggiormente gli strumenti tecnologici non solo per svago o rimanere in contatto con amici e parenti che vivono la loro quarantena altrove, ma anche per motivi lavorativi o scolastici e per questo sono alla ricerca di tariffe più convenienti.

Dall’analisi di Facile.it è emersa anche una grande attenzione dei consumatori per le tariffe luce e gas; gli utenti che hanno concluso contratti di cambio fornitore nel mese analizzato sono stati il 6% in più rispetto a marzo 2019. Per comprendere il fenomeno, bisogna considerare che, passando in casa molte più ore, l’aumento dei consumi domestici impone a molti la necessità di cercare tariffe più vantaggiose per tagliare le spese. Il decremento dei costi della materia prima energetica registrato a livello fa del periodo che stiamo vivendo anche un ottimo momento per valutare offerte legate al mercato libero ed indicizzate ad uno dei parametri in discesa.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background