Coronavirus, Richeldi: “La battaglia non è vinta” 

Pubblicato da in data 19 Aprile 2020

Coronavirus, Richeldi: La battaglia non è vinta

(Fotogramma/Ipa)

Pubblicato il: 20/04/2020 18:54

“Il numero dei deceduti ci deve far pensare che la battaglia non è vinta, siamo forse in una relativa tregua ma non è il momento di abbassare la guardia“. Così Luca Richeldi, primario di Pneumologia della Fondazione Policlinico Gemelli Irccs di Roma e componente del Comito tecnico scientifico sul coronavirus, durante la conferenza stampa alla Protezione civile a Roma.

Richeldi ha spiegato che “ci sono sei parametri che osserviamo, su alcuni siamo contenti se vanno crescendo e altri se vanno decrescendo. Ad esempio, siamo contenti se calano i ricoverati, i pazienti in terapia intensiva, i positivi. Di questi parametri solo uno non va nella direzione desiderata, quello dei decessi oggi più di 400″.

“Oggi è molto importante la diminuzione per la prima volta degli attuali positivi, solo 20, e c’è un segno meno in questa colonna. Un segnale incoraggiante – ha detto Richeldi – Se guardiamo i dati delle ultime settimane, c’è stato un calo dei ricoverati, un calo dei pazienti in terapia intensiva. Quindi una chiara diminuzione della pressione sulle strutture sanitarie”.

I decessi – ha aggiunto – sono l’ultimo parametro che si normalizza perché si riferisce ai contagi avvenuti settimane fa. Ma il fatto che negli ultimi quattro giorni abbiamo avuto comunque un numero a decrescere, sempre con la cifra iniziale 4, mentre abbiamo avuto giornate con 600, 700, anche mille al giorno, ci dice che c’è un trend in calo anche su questa voce”. “Abbiamo 4 regioni senza decessi oggi e altre 8 con meno di dieci decessi. Questo significa che la metà delle regioni italiane hanno riportato meno di dieci decessi”, ha rilevato, rimarcando “l’efficacia delle misure messe in atto”.

Quanto alle previsioni del report dell’Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane, che prevede per Lombardia e Piemonte tempi più lunghi per arrivare a zero casi di Covid-19, non sorprende che “la Lombardia e il Piemonte abbiano una circolazione virale più ampia rispetto ad altre regioni – ha detto Richeldi – perché sono partiti da livelli molto più alti”. E dunque il calo è più lento. “I modelli hanno dei limiti intrinseci, ma devo dire che partendo da una massa di persone contagiate più alta – ha aggiunto l’esperto – il calo è più lento. Non credo che questo rappresenti una ridotta efficacia delle misure, ma fotografa situazioni epidemiologicamente diverse”.

Riguardo alla plasmaterapia, a una domanda sulla sperimentazione in corso a Mantova, il primario di Pneumologia ha chiarito che “a breve avremo risposte più confortanti e più sicure dagli studi” in corso. “Per ora è una delle speranze nel trattamento di questa malattia. Si tratta di un approccio riconosciuto e potenzialmente efficace, ma non abbiamo ancora una risposta definitiva sulla sua efficacia in Covid-19 perché è passato troppo poco tempo”.

Poi, a una domanda dei giornalisti sull’applicazione per tracciare i casi Covid-19, ha risposto: “Ogni strumento è benvenuto, ci può aiutare in questa opera di tracciamento, che non è molto semplice. Mi aspetto grande responsabilità da parte degli italiani. Gli epidemiologi dicono di aspettarsi un 70-80% di utilizzo. E’ chiaro che più gente la usa e più sarà efficace”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background