Governo a opposizioni: ‘app Immuni solo con ok Parlamento’ 

Pubblicato da in data 20 Aprile 2020

Governo a opposizioni: 'app Immuni solo con ok Parlamento'

Fotogramma

Pubblicato il: 21/04/2020 14:25

L’app ‘Immuni’ è utile, ci aiuterà a ‘tracciare’ il contagio da Coronavirus e sarà adottata solo con l’ok del Parlamento, probabilmente con una legge ad hoc. Lo avrebbero assicurato, riferiscono fonti parlamentari del centrodestra, i ministri della Salute, Roberto Speranza, e della Pubblica amministrazione, Paola Pisano, durante una video conferenza con i capigruppo dell’opposizione dedicata proprio alla nuova app.

Questa legge, avrebbero sottolineato gli esponenti di governo, raccontano all’Adnkronos alcuni presenti alla conference call, prevederà in particolare la volontarietà dell’app e la riservatezza, la tutela della privacy, nonché l’uso non di tutti i dati dei cittadini.

Prima dell’incontro con le opposizioni, Speranza e Pisano sono stati in collegamento con i capigruppo della maggioranza. Una riunione definita “interlocutoria” in cui sono emersi diversi problemi, su tempi e modi, per l’app Immuni. Lo riferiscono all’Adnkronos fonti parlamentari della maggioranza dopo la videoconferenza, questa mattina, con i capigruppo e i ministri Paola Pisano e Federico D’Incà.

C’è la conferma da parte del governo che ci sarà un passaggio parlamentare per il via libera all’applicazione. Ma ancora non è stato individuato come. Una norma da inserire nel dl Aprile? Un provvedimento ad hoc successivo? In ogni caso il via libera del Parlamento non arriverebbe in tempi brevi. “Ci vogliono almeno un paio di mesi”, si fa notare. Insomma ben dopo l’avvio della Fase 2.

E poi per essere efficace, l’applicazione deve avere una copertura del 60% e anche questo passaggio non sarebbe immediato: non tutti scaricheranno subito l’app che, è stato confermato, non sarà obbligatoria. Inoltre, si riferisce, è stato sottolineato nella riunione che l’operatività di Immuni sarà limitata all’emergenza. “Ci sono diverse questioni, diverse domande alle quali il ministro Pisano ancora non ha potuto dare risposte compiute. C’è ancora da lavorare”, si osserva in ambienti parlamentari.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background