Coronavirus, l’ira dei farmacisti: “Risposte o non vendiamo più mascherine” 

Pubblicato da in data 21 Aprile 2020

Coronavirus, l'ira dei farmacisti: Risposte o non vendiamo più mascherine

(Fotogramma)

Pubblicato il: 22/04/2020 19:05

I farmacisti italiani sul piede di guerra minacciano “di astenersi dalla vendita di mascherine e dispositivi di protezione individuale”. A far indignare Federfarma, la Federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani, è il fatto che “nonostante le plurime attestazioni di stima (è sufficiente ricordare le parole del Santo Padre e del Presidente della Repubblica), nonostante la categoria dei farmacisti stia pagando un prezzo altissimo, anche con la scomparsa di colleghi e con centinaia di contagiati che hanno contratto il virus continuando a tenere aperte le farmacie, l’unico appello accolto finora è stato quello di consentire lo spacchettamento e la vendita singola di mascherine”.

Federfarma ricorda di aver inviato “proprio oggi l’ennesima proposta concreta per contrastare ogni possibile criticità connessa all’approvvigionamento di mascherine e dei dispositivi di protezione , tenendo a mente prioritariamente la salute della cittadinanza”. L’ultima di molte proposte lanciate nelle settimane passate dalla Federazione che rappresenta le 18.000 farmacie private convenzionate con il Ssn.

I farmacisti rincarano la dose evidenziando come “l’unica cosa concreta che si è potuta constatare sono gli innumerevoli controlli effettuati dalle autorità preposte, con l’elevazione di pesantissimi sanzioni per il mancato rispetto di adempimenti burocratici e, ancor più grave, con il sequestro di dispositivi (per mancanze non certo imputabili alle farmacie), che non fanno altro che lasciare la popolazione esposta al rischio di contagio”, denuncia l’associazione di categoria.

“Nessun cenno per spiegare l’alterazione dei prezzi alla fonte di cui le farmacie sono le prime vittime o per dire che le farmacie si assoggettano a condizioni capestro di acquisto pur di rendere disponibili le mascherine agli anziani, ai pazienti oncologici, a quelli che debbono seguire terapie in day hospital, alle donne in gravidanza”, concludono.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background