Francia, “no a riaperture senza esito positivo restrizioni” 

Francia, no a riaperture senza esito positivo restrizioni

Afp

Pubblicato il: 23/04/2020 13:39

“Non ci sarà una riapertura se le restrizioni non daranno esito positivo”. L’avvertimento arriva in Francia da Direttore generale della Sanità, Jerome Salomon, per il quale l’obiettivo è che vi sia “un minimo di malati l’11 maggio per poter tutti riprendere un’attività senza esporre le persone a noi vicine”. Questo virus continuerà a circolare fino a quando non “avremo un’immunità collettiva importante, e siamo molto lontani da questo, o un vaccino”, ha aggiunto, parlando con i deputati.

“L’obiettivo della Francia – ha quindi aggiunto – non è quello di arrivare ad un’immunità collettiva creando una seconda, e quindi una terza ondata, ci sembra troppo pericoloso. L’obiettivo è impedire la circolazione del virus ed avere condizioni favorevoli per guadagnare tempo rispetto all’arrivo di medicinali efficaci o di vaccini”. Sul territorio nazionale verrà messo in atto un dispositivo “molto funzionante” ma questo non implica la fine dei gesti protettivi e dei dispositivi di distanziamento sociale o fisico, “che resteranno a lungo”.

Intanto, il governo francese ha annunciato un piano di aiuti ai più bisognosi, per il cui finanziamento sblocca 39 milioni di euro. Si tratta di una somma che comprende 25 milioni destinati al sostegno delle associazioni e 14 milioni ad aiuti alimentari di emergenza immediata per i territori con maggiori criticità. A riferirne è la stampa francese.