Coronavirus, Toti: “Da lunedì al via alcune attività”  

Pubblicato da in data 24 Aprile 2020

Coronavirus, Toti: Da lunedì al via alcune attività

(Fotogramma)

Pubblicato il: 25/04/2020 21:39

“Stiamo lavorando anche oggi a una nuova ordinanza che prevede da lunedì 27 di far ripartire alcune attività nei settori della ristorazione, alimentari e artigiani dolciari con il servizio da asporto. E poi corsa, bici, cavallo, pesca e passeggiate all’aria aperta, anche con i bimbi”. Lo scrive su Twitter il presidente della regione Liguria, Giovanni Toti.

Poi, nel corso di una diretta su Facebook, il governatore fa il punto sull’emergenza coronavirus e sulle misure allo studio in vista della cosiddetta fase 2. “Riteniamo di poter dare una mano con un filo di anticipo a tante categorie che stanno soffrendo in attesa che il Governo dal 4 maggio intervenga a sua volta in modo definitivo su alcune situazioni – spiega – Abbiamo una settimana per il rodaggio, intanto ci stiamo confrontando costantemente con il Governo e ci auguriamo che il 4 maggio possa cominciare una nuova fase”.

La Regione Liguria sta esaminando alcune possibili attività, tra cui take away, sport in spazi aperti e in solitudine, passeggiate per le famiglie, insieme ai suoi esperti in vista di un’ordinanza che verrà emessa domani sera ed entrerà in vigore lunedì. “Le famiglie – dice Toti – potranno uscire a fare una passeggiata in aree definite nel municipio o nel comune, stiamo valutando. Una bozza prevedeva alcune fasce orarie per la corsa e la bicicletta, ma penso che sia giusto che tutti vadano nelle ore in cui possono. Questo è un tema di salute, perché il Covid non è l’unico rischio: dopo tanta immobilità abbiamo bisogno di riprendere a muoverci”.

Quelle in via di valutazione in queste ore da parte dei tecnici regionali sono attività a basso rischio, sulle quali è aperto il confronto con le categorie. E’ stata per ora esclusa, proprio per il parere negativo degli artigiani coinvolti, la possibilità per parrucchieri, estetisti e altri di operare a domicilio dei clienti. “La proposta di equiparare questa attività a una consegna merci – conclude Toti – ha scontentato molti e quindi non procederemo. E’ un settore che sta soffrendo molto e volevamo fare qualcosa, ma le regioni non possono decidere di riaprire i negozi. Fare il punto della situazione non è facile, anche da un punto di vista giuridico. Domani sera comunicheremo le decisioni prese. Cominciamo a riconquistare un po’ delle libertà che ci eravamo tolti, ma dobbiamo usarle con responsabilità”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background