Dap, Basentini si dimette 

Dap, Basentini si dimette

Fotogramma

Pubblicato il: 02/05/2020 06:43

Il capo del dipartimento amministrazione penitenziaria, Francesco Basentini, ha manifestato al Guardasigilli, Alfonso Bonafede, l’intenzione di dimettersi dal suo ruolo. Lo si apprende da fonti di via Arenula. Le dimissioni saranno formalizzate probabilmente già oggi, quando ci sarà la presa di possesso di Roberto Tartaglia, nominato vicecapo del dipartimento.

“Le polemiche di questi giorni sono strumentali e totalmente infondate ma fanno male al dipartimento” avrebbe detto Basentini in un incontro avvenuto ieri col ministro della Giustizia. Bonafede lo ha ringraziato per il lavoro svolto.

“Le dimissioni di Basentini sono un atto di responsabilità dell’ex capo del Dap. In questi mesi si sono rese sempre più evidenti le difficoltà della struttura preposta a governare il sistema dell’esecuzione penale e questo passo può e deve aiutare il cambiamento e un migliore funzionamento del sistema carcerario. Per il Pd le dimissioni non cancellano la necessità che abbiamo sostenuto in commissione Antimafia più volte: verificare se eventuali scelte sbagliate da parte di chi ha avuto e ha ruoli nella direzione della struttura penitenziaria hanno consentito o favorito la scarcerazione di tanti boss”, le parole di Franco Mirabelli, vice presidente dei senatori del Pd e capogruppo Pd in commissione Antimafia.

“Le dimissioni di Basentini, seppur tardive, sono una buona notizia per la giustizia italiana”, afferma Maria Elena Boschi, presidente dei deputati di Italia viva. “Da settimane chiedevamo che il capo del Dap si assumesse le responsabilità per i tanti, troppi errori compiuti in questi mesi. I numerosi appelli ad agire in favore di una situazione carceraria degna di uno Stato di diritto sono rimasti a lungo inascoltati, portando allo stremo gli agenti di polizia penitenziaria, il personale e le stesse persone detenute. Ora – conclude – è necessario fare scelte serie e lungimiranti per dare una linea di comando adeguata alla situazione di crisi”.

“Le dimissioni del direttore del Dap Francesco Basentini non bastano a cancellare quanto successo in poche settimane tra carceri in rivolta, morti, evasioni e perfino mafiosi e assassini usciti a decine di galera. Il ministro Bonafede è il primo responsabile: dimissioni!”, le parole del leader della Lega Matteo Salvini.