Zaia: “Spero delega a Regioni per aperture differenziate” 

Pubblicato da in data 4 Maggio 2020

Zaia: Spero delega a Regioni per aperture differenziate

(Fotogramma)

Pubblicato il: 05/05/2020 14:56

“Io spero si possa portare a casa la delega alle Regioni di poter decidere sui propri territori. Questa ‘autonomia’ potrebbe essere utile visto che abbiamo avuto diverse regioni che hanno avuto risultati e servizi erogati a tutela della salute diversi da regione a regione. Perchè ogni regione ha avuto la sua storia sanitaria e questo è importante ricordarlo”. Lo ha sottolineato il presidente del veneto LUca Zaia oggi nel corso del punto stampa.

“L’interlocuzione con il governo è assolutamente serena, il governo conosce la nostra posizione: non siamo irresponsabili, sappiamo che il virus c’è e bisogna fare in modo di non prenderselo, e quindi rilancio il mio appello: usate la mascherina”, ha ammonito.

“Ad oggi abbiamo fatto 392 mila tamponi, 9 mila in più da ieri, i positivi sono 18.402, 29 in più da ieri, le persone in isolamento sono scese a 6.353 (-426), 1024 i pazienti ricoverati, 32 in meno, 98 quelli in terapia intensiva, uno in meno da ieri, 2743 i dimessi, 1207 i decessi in ospedale 13 in più, mentre 1545 in totale”, ha detto rendendo noti i dati.

“A me risulta che in Svezia ad una certa eta’ non ti presenti nemmeno in ospedale. Se questo e’ un buon modello di sanita’… A voi risulta che noi applichiamo questo modello? Noi abbiamo dimesso ultra 90enni dalle terapie intensive, pensate a cosa sarebbe accaduto se queste persone avessero avuto la sfortuna di essere nati in un paese diverso”, ha aggiunto rispondendo a chi gli chiedeva del ‘modello Svezia’ per affrontare l’emergenza coronavirus nel corso del punto stampa.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background