I segreti di lunga vita di Queen Elizabeth 

I segreti di lunga vita di Queen Elizabeth

(Ipa/Fotogramma)

Pubblicato il: 10/05/2020 19:42

Sembra che non abbia mai fumato una sola sigaretta in tutta la sua augusta esistenza, ma in cambio adora il cioccolato e il pomeriggio nulla la distoglie, sempre alle ore 17, dalla sua pausa con una tazza di Earl Grey tea accompagnata dai tradizionali ‘scores’ e da sandwich al cetriolo. Esistenza lunga, lunghissima quella della regina Elisabetta, 94 primavere festeggiate lo scorso 21 aprile e un discorso tenuto alla nazione in occasione del ‘Victory day’, lo stesso giorno, la stessa ora in cui 75 anni fa il padre re Giorgio VI aveva annunciato ai cittadini del Regno Unito la fine della guerra in Europa e la vittoria sui nazisti.

In piena pandemia Queen Elizabeth sta trascorrendo la sua quarantena nel castello di Windsor accanto al principe consorte, il duca di Edimburgo, 98 anni. Sul trono dal 1952, è la sovrana più longeva della storia. Questione forse di geni, la madre, Queen Mum, è scomparsa a 101 anni, ma anche di una vita sana e esemplare. Pasti frugali a base di carni bianche e pesce, accompagnati da insalata e legumi. Preferenze? La sogliola, come ricorda il settimanale francese Point de vue, ma anche le costolette d’agnello e l‘haddock Saint -Germain, un piatto particolarmente ghiotto a base di pesce gratinato al forno, condito con una crema a base di uova, servito con patate e una salsa bernese.

A volte i secondi piatti, filetti di manzo e selvaggina, giungono direttamente dalle sue fattorie di Sandringham e Balmoral, prodotti selezionati e tutelati. Ogni pranzo si conclude con frutta e cioccolata, peccato di gola, forse l’unico. Banditi dalla tavola l’aglio e la cipolla, la carne al sangue, i cibi devono essere sempre ben cotti, le uova con il guscio bianco, poi, non sono ammesse a Palazzo. Anche se, come aveva dichiarato l’ex chef Darren McGrady, “la regina adora le uova, soprattutto quelle strapazzate con salmone affumicato e una grattugiata di tartufo”.

Un regime ‘low carb’, povero di carboidrati, e sul fronte delle bevande un bicchiere di gin Dubonnet, con ghiaccio e limone, prima di sedersi a tavola, accanto alla sua acqua minerale preferita, la scozzese ‘Malvern’. E ricorda ancora il settimanale francese Point de vue che la sovrana inglese si cura da anni con l’omeopatia, anche se la sua salute di ferro dipende da una disciplina mentale e psicofisica che la regina Elisabetta ha saputo imporsi nel tempo, fatta di passioni e interessi.

Queen Elizabeth adora gli amati cavalli e i suoi corgi (oltre 30 hanno corso e attraversato i saloni di Buckingham Palace o abitato i giardini delle sue residenze estive, dal castello di Windsor a quello di Balmoral), la lettura di romanzi gialli e spy stories, in particolare Somerset Maugham e John Galsworthy, i giochi di società e le parole crociate, i puzzle, ne possiede a centinaia, anche a grandezza naturale, di cui è estimatrice e collezionista. Non disegna la tv, soprattutto la sera prima di addormentarsi. Nella top ten delle serie e dei film più amati, ‘Il dottor Zivago’, ‘Il discorso del re’ di Tom Hopper, uscito nel 2010 e dedicato al padre re Giorgio VI la commedia musicale, ‘Oklahoma’, un ritorno al passato, agli anni del suo fidanzamento con il principe Filippo, e naturalmente ‘Downton Abbey’.

Tra le passioni della sovrana inglese le borse e i cappellini, coloratissimi, per spiccare tra la folla. Oltre 500 realizzati dai suoi stilisti preferiti, Philip Somerville, Philip Tracy e oggi Rachel Trevor -Morgan e Angela Kelly. Circa 200 invece le borse, modelli simili, tutte firmate maison Launer, marchio fondato nel 1941, prediletto dalla Regina Madre. Si racconta che anche in ambito di accessori la regina Elisabetta sia molto parsimoniosa. Indossa durante le cerimonie ufficiali lo stessa borsa. E prima di rottamarla la fa riparare. Più e più volte.