Ryanair riparte a luglio con 40% dei voli e obbligo mascherine 

Ryanair riparte a luglio con 40% dei voli e obbligo mascherine

(Fotogramma/Ipa)

Pubblicato il: 12/05/2020 14:33

La compagnia aerea low-cost Ryanair prevede di ripristinare il 40% dei suoi voli regolari a partire dal 1° luglio, subordinatamente all’eliminazione delle restrizioni relative a Covid-19 sui voli all’interno dell’Unione Europea. Ryanair ha affermato che richiede anche “efficaci misure di salute pubblica” da attuare negli aeroporti prima di iniziare un programma giornaliero di circa 1.000 voli, ripristinando il 90% delle sue rotte. La compagnia aerea ha spiegato che attualmente opera solo 30 voli con un “programma giornaliero scheletrico”, dopo che i governi di tutta Europa hanno imposto misure di distanziamento sociale e severe restrizioni sui viaggi internazionali. Ryanair prevede di riprendere le operazioni nella maggior parte delle sue 80 basi in Europa, ma che opererà meno voli sulle sue rotte principali. Ha sottolineato che cambierà i servizi di biglietteria, check-in e bagagli per migliorare la distanza sociale e ridurre il rischio di diffusione del nuovo coronavirus.

La compagnia aerea ha spiegato che i passeggeri verranno sottoposti a controlli della temperatura all’ingresso dell’aeroporto e dovranno indossare mascherine facciali in ogni momento, anche durante i voli.

“Dopo quattro mesi di isolamento, è tempo di far volare di nuovo l’Europa, così da poter riunire amici e famiglie, permettere alle persone di tornare al lavoro e riavviare l’industria del turismo europeo, che fornisce così tanti milioni di posti di lavoro”, ha detto Eddie Wilson, amministratore delegato di Ryanair.

Il capo del gruppo Ryanair, Michael O’Leary, ha spiegato alla Bbc che un requisito di 14 giorni di quarantena per gli arrivi in Gran Bretagna, dove la compagnia aerea svolge gran parte della sua attività, è “inapplicabile”.