Silvia Romano, presidente centro islamico Milano: “Pronti ad accoglierla” 

Pubblicato da in data 13 Maggio 2020

Silvia Romano, presidente centro islamico Milano: Pronti ad accoglierla

(Fotogramma)

Pubblicato il: 14/05/2020 16:19

Se Silvia vuole venire in moschea è libera di farlo, la moschea è aperta a tutti, musulmani e non musulmani. Silvia sarebbe la benvenuta, come tutti. A qualsiasi musulmano io dico ‘benvenuto'”. Non usa giri di parole Ali Abu Shwaima. Il presidente del Centro Islamico di Milano e Lombardia, contattato dall’Adnkronos, si dice pronto ad accogliere Silvia Romano qualora la cooperante decidesse di recarsi in moschea.

Nessuna regola da seguire o linee guida per chi, come Silvia, ha deciso di abbracciare la religione musulmana. “Ci sono i libri – spiega Ali Abu Shwaima – c’è il Corano, oggi disponibile anche online, ed è tradotto in italiano. Può studiare da sola oppure venire in moschea se ha delle cose da chiarire o approfondire“.

Lì, spiega, “riceviamo anche molti cristiani che vogliono sapere qualcosa sull’Islam, la moschea è aperta a tutti. Chi è convinto sceglie l’Islam come religione, ci sono anche quelli che seguono l’induismo o altre religioni, siamo in una società e in un Paese democratico che dà libertà di pensiero e di fede a tutti”.

La scelta di Silvia Romano di convertirsi all’Islam, sottolinea, “è una scelta personale, noi non possiamo dire nulla, è una sua scelta“. E sul polverone di polemiche sollevato nei giorni scorsi, osserva: “Il problema è di chi fa polemica. Non si può entrare nelle scelte di una persona. Siamo in un Paese democratico, dove ognuno sceglie la religione che ritiene più adatta a sé”. Poi, commentando gli insulti sui social, spiega: “Penso che ora sarà la magistratura a fare chiarezza. Noi abbiamo fiducia nei giudici che approfondiranno questi atti”.

Quando ha saputo che Silvia era stata liberata “ho reagito come qualsiasi italiano – racconta Ali Abu Shwaima – sono stato contento che una concittadina fosse stata liberata dopo una prigionia di un anno e mezzo”. E a chi polemizza sul fatto che la giovane milanese possa essere stata costretta a convertirsi, Ali Abu Shwaima replica: “Nell’Islam e anche nel Corano si dice che non c’è obbligo” di conversione. “I musulmani – fa notare – sono un miliardo e mezzo, uno in più o uno in meno non cambia nulla”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background