Voglia di piazza agita centrodestra, Salvini e Meloni ‘prenotano’ 2 giugno 

Voglia di piazza agita centrodestra, Salvini e Meloni 'prenotano' 2 giugno

(Fotogramma)

Pubblicato il: 15/05/2020 23:37

La piazza torna ad agitare il centrodestra. Nella coalizione è quasi ricorsa a intestarsi la manifestazione contro la fase 2 del governo Conte. A sopresa Matteo Salvini, su 7Gold, in mattinata, si lascia sfuggire di aver già prenotato la location per una mobilitazione a Roma: “Abbiamo già chiesto l’utilizzo di alcuni spazi a giugno, faremo sentire la voce degli italiani onesti”. Il sasso è lanciato.

A stretto giro di posta è Giorgia Meloni – che già negli scorsi giorni aveva lanciato l’ipotesi di tornare in piazza – a far trapelare che Fdi ha deciso per il 2 giugno una mobilitazione contro la ‘fase due’ del governo Conte per l’emergenza Covid. Poco dopo le 15, infatti, fonti del partito annunciano “una mobilitazione per la Festa della Repubblica per dare voce a tutti i cittadini italiani nel rispetto delle regole, aperta all’apporto di tutto il centrodestra”. Resta in stand by, l’altra componente del centrodestra: Fi che non interviene ancora.

In serata, quattro ore dopo, si fa sentire di nuovo il numero uno di via Bellerio, che sui social si dice pronto a scendere anche lui in piazza il 2 giugno, confermando che la manifestazione sarà unitaria, postando un volantino con la sua foto in camicia bianca e giacca blu con sullo sfondo l’Altare della Patria e il tricolore.

”2 giugno a Roma ripartiamo insieme per l’orgoglio italiano, in piazza in tutta sicurezza”, scrive il leader della Lega per poi aggiungere, in una successiva nota: “A noi interessa dare voce, tutti insieme, agli italiani in difficoltà, mettiamo da parte gli interessi e le bandiere di partito”.

Tutto fa pensare che Meloni e Salvini non si siano sentiti per concordare la manifestazione. Ma, apprende l’Adnkronos, nelle prossime ore è prevista una telefonata per chiarirsi. Non si pronuncia, invece, Forza Italia. C’è chi dice che i vertici azzurri non siano stati informati dagli alleati e abbiano appreso la ‘voglia di piazza’ dalle agenzie di stampa. Silvio Berlusconi intervistato a ‘Stasera Italia’, non parla della piazza del centrodestra. Anche perché dell’argomento ancora non si è discusso nel partito.

Tra gli azzurri c’è chi è contrario a iniziative di piazza in questo momento di emergenza, chi invece vuol vederci chiaro e propone di mandare una delegazione. Come sempre l’ultima parola spetterà a Berlusconi. Fi, intanto, mantiene la consegna del silenzio, in attesa di capire modi toni e contenuti ella manifestazione annunciata da Lega e Fdi.