Esame maturità 2020, ecco come sarà il colloquio 

Esame maturità 2020, ecco come sarà il colloquio

(Fotogramma)

Pubblicato il: 16/05/2020 13:13

Gli esami iniziano il 17 giugno, non ci saranno più le prove scritte. Ci sarà un colloquio orale“, in presenza, “della durata massima di un’ora”. Sono le parole della ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che illustra le caratteristiche dell’esame di maturità 2020.

“Il colloquio prevede diverse fasi. La prima, in apertura, la discussione di un elaborato sulle discipline d’indirizzo che gli studenti concorderanno con i docenti. La seconda è la discussione di un testo di italiano studiato in classe nel corso dell’anno. Poi ci sono materiali preparati dalla commissione che verranno assegnati agli studenti sul resto delle discipline. I commissari saranno tutti interni. Lo studente spiegherà cosa ha imparato nelle sue esperienze di PTCO, quella che veniva l’alternanza scuola-lavoro, e poi illustrerà conoscenze di cittadinanza e Costituzione. Nell’ordinanza non c’è scritto, ma mi piacerebbe che gli studenti avessero la possibilità, nella fase dell’esame dedicata a cittadinanza e Costituzione, di parlare come hanno vissuto l’esperienza del coronavirus”, afferma Azzolina, ribadendo che “gli studenti potranno partire da un massimo di crediti pari a 60. L’orale avrà valore di 40 per arrivare a 100. Chi meriterà, avrà anche la lode”.

“Abbiamo insistito affinché gli esami di stato fossero fatti in presenza perché è un momento importantissimo, di passaggio dall’adolescenza all’età adulta”, afferma ancora.