Sfiducia Bonafede, la giornata in Senato 

Pubblicato da in data 19 Maggio 2020

Sfiducia Bonafede, via a seduta in Senato/Diretta

(Fotogramma)

Pubblicato il: 20/05/2020 09:55

Si è aperta in Senato la seduta nella quale è in programma il voto delle mozioni di sfiducia al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Una mozione è stata presentata da tutto il centrodestra (Fdi, Fi, Lega), un’altra da Piu’ Europa.

Pepe – “Lei è il ministro delle scarcerarazioni allegre”. Così il senatore della Lega, Pasquale Pepe, presentando in Senato la mozione del centrodestra. “Lei ministro – ha aggiunto il leghista – non ha saputo far fronte alle rivolte spaventose, con 6mila detenuti coinvolti, 14 morti per overdose e 40 agenti feriti, per questo chiediamo la sfiducia”. “Lei ha scritto la pagina più buia della realtà carceraria italiana, lei ha nominato un capo del Dap che dovrebbe avere alto profilo e competenze, invece ha nominato Basentini che non ha competenze né carcerarie, né di antimafia, lei deve assumersi la responsabilità di questa nomina”, ha detto ancora.

“E non ha preso nessuna strategia per proteggere innanzi tutto gli agenti carcerari dal rischio del virus”, ha detto ancora Pepe, che poi ha ringraziato “Massimo Giletti che ha raccontato con coraggio la verità agli italiani”, riferendosi alla vicenda Di Matteo. “La sfiducia al ministro Bonafede significa la sfiducia al governo, un motivo in più per votarla, gli italiani ve ne saranno grati, colleghi”, ha concluso.

Bonino – “Chiediamo le sue dimissioni, ministro, non perchè è sospettato ma perchè non vogliamo un ministro della Giustizia che sia rappresentante della cultura del sospetto”. Sono le parole con cui Emma Bonino ha illustrato in Senato la mozione di sfiducia. “Della malattia della giustizia lei è il sintomo e non il rimedio, se rimarrà a via Arenula contribuirà a farla diventare cronica diffondendo la paura della giustizia”, ha aggiunto Bonino. “A chi mi dirà che non si può sfiduciare il ministro senza mettere a rischio il governo, mi limito a ricordare che qui oggi si discute di altro. E cioè di quale politica per la giustizia serva all’Italia. Se la continuità del governo dovesse significare la continuità della politica della giustizia, signor ministro, io inviterei tutti a considerare che l’Italia non ne avrebbe nessun giovamento”, ha detto ancora. “Non può essere l’unica risposta ‘non si può far cadere il governo'”, ha evidenziato.

Pellegrini – “Lei è il ministro che il Movimento 5 Stelle sognava, che questo paese meritava e che questo governo sostiene con forza”. Sono le parole con cui il senatore grillino Marco Pellegrini ha aperto il suo intervento. “La sfiducia alla quale alcune forze politiche la stanno sottoponendo è l’attacco ad un nuovo modello di paese, più vicino ai cittadini, più equo, più solidale. Forte con i potenti e giusto con gli ultimi e gli indifesi. Lei fino ad oggi si è dimostrato un ministro capace di affrontare con coraggio, determinazione e risolutezza problemi lasciati irrisolti dai suoi predecessori per decenni”, ha aggiunto.

Paragone – “Non le confermerò la fiducia, dico quello che diceva Aristotele ‘Platone mi è amico, ma la verità di più”. Così il senatore Gianluigi Paragone, parlando in Aula, nel corso del voto di sfiducia nei confronti del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. “Sono con Di Matteo senza se e senza ma, ancora oggi non è chiaro perché Basentini fu scelto al Dap, e Di Matteo non c’è andato”, ha detto nel suo intervento il senatore ex M5S, tornando sulla vicenda della mancata nomina di Di Matteo al Dap.

Giarrusso – “Certamente lei è una persona perbene e nessuno lo può negare. Ma siamo qui per esaminare tutto il suo operato da ministro. Lei ha tradito 11 milioni di cittadini che ci avevano mandato in Parlamento per combattere la mafia. E quel segnale era impersonato da un simbolo, Di Matteo, sbandierato in campagna elettorale come destinatario di importanti incarichi”, mentre “il ministero è stato consegnato a una banda di amici di Palamara”. Lo ha detto in Aula, rivolgendosi al ministro Bonafede, il senatore ex M5S Mario Giarrusso, durante la discussione della mozione di sfiducia nei confronti del guardasigilli. “Le persone perbene si dimettono di fonte a questi disastri”, ha rimarcato Giarrusso.

Ostellari – Cosa altro dovrebbe combinare il ministro Bonafede per essere sfiduciato? Non mandarlo a casa oggi significa dargli un salvacondotto per sempre, dire che tutti gli errori sono commessi, in nome di campare”. Così il senatore della Lega, Andrea Ostellari, intervenendo in Senato, ha puntato il dito contro il ministro Bonafede. “Per lei – ha aggiunto – sono giorni difficili, ma per gli italiani lo sono ancora di più, per chi ha subito un grave reato e per i parenti di chi non ha sopravvissuto e sono stati disonorati dallo Stato, che con la sua complicità ha scarcerato degli assassini”. “L’importante -ha detto- è campare, ma attenti, perché oggi gli italiani non campano più”.

Vitali – “Si faccia battezzare, si faccia cresimare, anche una macumba… Il ministro della Giustizia deve non solo essere ma anche apparire come la moglie di Cesare, trasparente… E non so sei lo è, ma sicuramente non lo appare”. Lo ha detto Luigi Vitali (Fi) in aula a palazzo Madama nella discussione generale sulle mozioni di sfiducia al Guardasigilli Alfonso Bonafede, dopo aver ricordato le dimissioni in sequenza che hanno segnato il dicastero di via Arenula. Il senatore azzurro ha esortato Bonafede a dare le dimissioni, ricordando precedenti eccellenti come il ministro Lattanzio per l’evasione di Kappler o Zamberletti per un caso di accusa di corruzione a carico di un sindaco nel Friuli post terremoto: “In quell’occasione Zamberletti disse che un ministro deve rispondere non solo degli errrori propri ma anche altrui…”. “Ministro Bonafede, sarà anche una brava persona ma lei non ha il prestigio, la competenza, la credibilità per fare il ministro della Giustizia. Se lei non si dimette saremo noi a votare la sfiducia”, ha incalzato Vitali.

“Mi sarei aspettato le sue dimissioni che avrebbero compattato la maggioranza e il Governo – ha aggiunto Vitali”, sottolineando “le gaffes, le leggi che lei ha scritto ma non conosce, e le tante critiche che sono arrivate ai testi sulla prescrizione e lo Spazzacorrotti o le scarcerazioni dei mafiosi che sono interamente colpa sua che a gennaio sapeva della pandemia ma non ha fatto nulla per contrastarla gettando le carceri nel caos”, ha aggiunto.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background