Enzo Bianchi: “Crede in un idolo chi non crede nell’amore” 

Enzo Bianchi: Crede in un idolo chi non crede nell'amore

(Fotogramma)

Pubblicato il: 30/05/2020 12:14

Crede in un idolo chi non crede nell’amore“. Padre Enzo Bianchi, l’ex priore di Bose al quale il Papa ha chiesto nei giorni scorsi di allontanarsi dalla comunità da lui fondata, dà nuovamente voce all’amarezza sui social. “Tu credi all’amore? Allora tu credi in Dio, perché Dio è amore, dice l’apostolo Giovanni. Ma se tu dici di credere in Dio e non credi all’amore allora tu credi in un idolo, – scrive l’ex priore – una tua proiezione, perché chi non crede all’amore è incapace di aver fiducia, incapace di credere”.

Nei giorni scorsi è stato lo stesso Enzo Bianchi a rompere il silenzio per chiedere l’intervento della Santa Sede per capire quali siano le accuse che gli vengono contestate e che hanno determinato il suo allontanamento. Agli stretti collaboratori ha detto che non si muoverà dal suo eremo finché non gli avranno spiegato le ragioni. Padre Bartolomeo Sorge, attraverso l’Adnkronos, ha consigliato a Bianchi di fare le valigie e di non opporre resistenza: “Sarebbe un errore fatale, accetti la croce”, il consiglio del gesuita. Spera ancora che tutto alla fine si possa ricomporre pacificamente monsignor Luigi Bettazzi, vescovo emerito di Ivrea, e grande amico dell’ex priore.