Come il COVID-19 sta accelerando l’adattamento alla tecnologia di Nicole Junkermann 

Pubblicato da in data 3 Giugno 2020

Come il COVID-19 sta accelerando l'adattamento alla tecnologia di Nicole Junkermann

Pubblicato il: 04/06/2020 09:48

In collaborazione con Getfluence.it

Nicole Junkermann analizza come il COVID-19 sta accelerando l’adattamento alla tecnologia a un ritmo senza precedenti

Nicole Junkermann è un’imprenditrice ed investitrice internazionale nonché fondatrice di NJF Holdings, società di investimento internazionale con interessi in venture capital, private equity e proprietà immobiliari. Tramite NJF Capital, la branca di venture capital di NJF, Nicole Junkermann sovrintende a un portfolio di oltre 30 start-up in tre continenti, anche nel settore sanitario.

L’epidemia di COVID-19 ha creato una crisi improvvisa e fuori dall’ordinario, forse la più grande della nostra generazione. È chiaro che le conseguenze di questo virus cambieranno radicalmente i sistemi sanitari, la politica e l’economia in tutto il mondo.

Come la storia ci ha insegnato, le vere crisi – specialmente quelle su scala globale – hanno l’effetto di accelerare significativamente le tendenze storiche; molte “misure di emergenza” a breve termine diventano parte integrante di una nuova quotidianità.

L’adattamento alla tecnologia

Forse l’esempio più chiaro di quanto appena detto è il modo in cui il COVID-19 ha accelerato l’adattamento di tutte le fasce della società alla tecnologia e all’innovazione a un ritmo inimmaginabile.

In qualità di imprenditrice e investitrice, ho sempre cercato di identificare in anticipo le opportunità che mi si profilavano davanti, al fine di costruire o investire in aziende che cercassero di sfruttare i progressi della tecnologia e dell’innovazione per sfidare i modelli di business esistenti e ridefinirne i settori.

Ho quindi seguito da vicino sia il modo in cui la tecnologia ha svolto un ruolo così critico nell’attenuare gli effetti di questa crisi, sia il modo in cui le persone di tutto il mondo, di età e provenienza diverse, hanno abbracciato la tecnologia a una velocità che semplicemente non avremmo mai visto in tempi normali.

Crescita rapida di Zoom

Ad esempio, abbiamo visto che la tecnologia facilita il lavoro da casa in modo inimmaginabile rispetto a pochi mesi fa. Nel dicembre 2019 c’erano 10 milioni di partecipanti al giorno su Zoom – l’applicazione di videoconferenza – mentre, quattro mesi dopo, questo numero è salito a 300 milioni, con oltre 90.000 scuole in 20 paesi che si sono iscritte all’applicazione nello stesso periodo. Sebbene Zoom sia cresciuto costantemente negli ultimi anni, la sua diffusione è stata indubbiamente accresciuta in risposta al virus, poiché le persone in tutto il mondo sono state costrette ad adattarsi alla tecnologia e all’innovazione, non solo sul posto di lavoro ma anche come mezzo per rimanere in contatto con la famiglia e gli amici, in un momento in cui gran parte del pianeta è soggetta a rigide restrizioni di isolamento.

Prendendo un altro esempio quotidiano, abbiamo visto come Netflix e altri servizi di streaming sono cresciuti durante la crisi. Netflix ha persino dovuto fare il possibile per ridurre il traffico di rete del 25% sia in Italia che in Spagna, due paesi che hanno subito alcune delle misure di blocco più restrittive al mondo e in cui Netflix ha registrato il maggiore aumento della domanda. Inoltre, i dati di Telecom Italia hanno dimostrato come la chiusura delle scuole in Italia stia portando ad un aumento del traffico Internet, mentre gli studenti si rivolgono a videogiochi come “Fortnite” e “Call of Duty” per il loro intrattenimento.

Tecnologia e industria sportiva

In terzo luogo, se consideriamo il settore sportivo – che è stato devastato dalle restrizioni in tutto il mondo – la necessità di adattarsi alla tecnologia sarà essenziale per rispondere alla domanda su come gli sport tradizionali manterranno tifosi, emittenti e sponsor nei prossimi mesi e anni per sopravvivere. È chiaro che, fino al momento in cui stadi, campi e arene sportive verranno riaperti al pubblico come nel mondo pre-crisi, assisteremo a un enorme aumento degli eventi di streaming live. Abbracciare lo streaming live è qualcosa che tutti i principali sport dovranno fare, e velocemente.

E forse questo sarà il punto di svolta, cioè il momento in cui la realtà virtuale immersiva nello sport – un settore che è cresciuto costantemente negli ultimi anni – riceverà davvero investimenti ed attenzioni per accelerarne lo sviluppo, fino al punto che sarà una nuova normalità per i fan “scendere in campo” insieme alla propria squadra del cuore.

Dobbiamo fare attenzione

Tuttavia l’improvviso adattamento e la dipendenza dalle tecnologie non sono privi di rischi. A causa della straordinaria richiesta di soluzioni tecnologiche e innovative ai problemi creati dal COVID-19, assisteremo ad una messa in pratica delle tecnologie in modo molto più rapido che in circostanze normali: governi, organizzazioni regolatorie e aziende hanno l’importante compito di proteggersi da queste minacce .

Per fare un passo indietro rispetto all’attuale crisi, le aziende di successo devono sempre adattarsi rapidamente al comportamento dei consumatori. E quelle aziende che potranno offrire ai consumatori i prodotti o i servizi necessari, in un mondo più che mai guidato da una tecnologia focalizzata sul consumatore, continueranno a prosperare.

Può darsi che, mentre queste “misure di emergenza” del mondo si adattano e si affidano alla tecnologia come nuova norma, assisteremo ad una nuova onda di Kondratiev basata sulla tecnologia.

Nicole Junkermann


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background