Fase 2: Raimondo (Consorzio Mozzarella Bufala campana), ‘aiutare export e turismo’  

Pubblicato da in data 3 Giugno 2020

Raimondo (Consorzio Mozzarella Bufala campana): Aiutare export e turismo

Pubblicato il: 04/06/2020 14:03

“In questa nuova fase, ci devono essere due punti e due obiettivi: l’export, che deve recuperare, deve riprendere la nostra marcia verso l’Europa e il mondo intero; e il turismo, per far tornare i turisti nel nostro paese”. A lanciare l’appello è Domenico Raimondo, presidente del Consorzio di tutela della Mozzarella di Bufala campana Dop, intervistato da Adnkronos/Labitalia. “Il turista quando viene in Italia cerca sempre di assaggiare la mozzarella di bufala campana – sottolinea – e quando poi ritorna nel suo paese di origine cerca sempre di ricomprarla. Questo è il connubio e la forza di questo prodotto: quando riusciamo a far provare la mozzarella all’interno della nostra regione o all’interno dei nostri luoghi di produzione, riusciamo poi ad esaltare questo prodotto e questo sapore e a far ricordare al consumatore finale questa esperienza particolare”.

Una filiera, quella della mozzarella di bufala campana Dop, che nell’emergenza sanitaria ha continuato a produrre. “Noi non ci siamo mai fermati – ricorda il presidente del Consorzio – sia nella produzione del latte sia nella trasformazione in mozzarella di bufala campana. E colgo l’occasione per ringraziare i nostri collaboratori, che, nonostante la paura in quei giorni di lockdown, sono scesi tutti i giorni a lavorare e hanno collaborato instancabilmente per poter trasformare questo latte di bufala campana in mozzarella. Abbiamo raggiunto tutti i giorni i nostri mercati e di conseguenza le case dei nostri consumatori, che hanno potuto consumare il nostro prodotto o tal quale come mozzarella di bufala campana oppure come ingrediente all’interno di qualche piatto o sopra a un pezzo di pizza”.

Ora si guarda al futuro, quindi, e alla ripresa del turismo. “Abbiamo una grande forza, quella di avere la parte interna della regione Campania, non solo la parte esterna con la fascia costiera, ma anche tutti i borghi con le eccellenze dell’entroterra. Quindi, adesso chiediamo alla politica di darci una mano e fare in modo di poter far riprendere questo volano che è molto importane per la nostra regione e per il nostro prodotto mozzarella di bufala campana”, conclude.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background