Stati generali, Mes e manifestazioni: botta e risposta Salvini-Berlusconi 

Pubblicato da in data 9 Giugno 2020

Stati generali, Mes e manifestazioni: botta e risposta Salvini-Berlusconi

Pubblicato il: 10/06/2020 07:21

Partecipazione agli Stati generali, manifestazioni di piazza del centrodestra, con particolare riferimento a quella annunciata per il prossimo 4 luglio, utilizzo del Mes. Sono i temi oggetto di un botta e riposta a distanza andato in onda ieri sera tra il segretario della Lega, Matteo Salvini, e il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ospiti praticamente in contemporanea, il primo su La7 a ‘Di Martedì’, il secondo su Raitre a ‘Cartabianca.

“Non so ancora nulla, non so dove, come, quando e perché, poi vado, per carità”, ha affermato il leader del Carroccio a proposito degli Stati generali. “Domani parlerò con i nostri alleati, sono sicuro -la posizione dell’ex premier- che si debba andare. Decideremo una linea comune e dovremo partecipare ad un appuntamento che, pur tardivamente, va nella strada che abbiamo indicato. Speriamo che stavolta l’ascolto non sia soltanto un atto formale”.

Nette le distanze sul Mes, uno strumento da utilizzare, che, “come ha ricordato Carlo Cottarelli ci farà risparmiare 500 milioni di interessi”, ha sottolineato Berlusconi. “Il Mes tra tre mesi non esisterà più, perché nessun Paese lo adotta, ne parleremo anche con Berlusconi, non c’è problema”, la posizione di Salvini, che in varie circostanze ha sottolineato che su questo argomento il leader di Forza Italia si esprime come Matteo Renzi. “Non ho mai detto che Salvini parla come i Cinquestelle perché anche loro sono contro il Mes”, la replica a distanza dell’ex premier.

Infine la manifestazione del centrodestra programmata per il prossimo 4 luglio. Freddo Berlusconi: “Ogni espressione civile e composta del popolo è un diritto costituzionale e una legittima espressione di democrazia. Era meglio rimandare sia la manifestazione passata che quella prossima” del 4 luglio del centrodestra, che “dobbiamo mettere ancora a punto. Però se la faremo occorrerà attenzione assoluta a non creare assembramenti e a non dismettere le mascherine”.

“Gli italiani -la replica di Salvini alle critiche che gli sono state rivolte all’indomani della manifestazione del 2 giugno- hanno dimostrato un enorme buon senso, però vogliono ritornare a vivere con cautela, a distanza, con le mascherine. E’ curioso che ci abbiano crocifissi per delle manifestazioni pacifiche, pulite, ordinate, mascherinate il 2 giugno, quando prima e dopo a sinistra hanno combinato la qualunque in qualunque piazza, senza che su mezzo giornale ci fosse mezza critica. Posso mentre parlo con una persona abbassarmi la mascherina?”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background