Coronavirus, D’Amato: “Nel Lazio 99 casi e 5 morti legati al San Raffaele” 

Pubblicato da in data 11 Giugno 2020

Coronavirus, D'Amato: Nel Lazio 99 casi e 5 morti legati al San Raffaele

Immagine di repertorio (Fotogramma/Ipa)

Pubblicato il: 12/06/2020 18:07

Il focolaio dell’Irccs San Raffaele Pisana “raggiunge così un totale di 99 casi positivi e 5 decessi correlati. Due i decessi nelle ultime 24 ore riferiti al cluster, si tratta di una donna di 89 anni, proveniente dal San Raffaele Pisana e deceduta al Policlinico Gemelli e una donna di 82 anni anch’essa proveniente dalla struttura di Pisana e deceduta all’ospedale militare del Celio”. Lo sottolinea l’assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato, in nota, al termine dell’odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere e Policlinici universitari e ospedale Pediatrico Bambino Gesù. “Resta altissima l’attenzione” sul cluster del San Raffaele Pisana di Roma “e i pazienti positivi tutti trasferiti allo Spallanzani. Il dato dei positivi del Lazio è caratterizzato da questo focolaio che ci sta fortemente impegnando“.

“L’indagine epidemiologica andrà a ritroso a partire dal primo di maggio e già sono stati chiamati i primi 200 pazienti dimessi dalla struttura presso i drive-in per effettuare i test sierologici L’attenzione resta altissima e i pazienti positivi sono stati tutti trasferiti. Proseguono le attività per i test sierologici sugli operatori sanitari e le Forze dell’ordine”, spiega l’assessore.

Nel Lazio “è record dei guariti che sono stati 317 nelle ultime 24 ore, più del doppio degli attuali positivi e complessivamente raggiungono le 4.913 unità, mentre i decessi sono stati 5″. “Il dato dei casi del Lazio è caratterizzato da questo focolaio che ci sta fortemente impegnando. Oggi registriamo un dato di 27 casi positivi di cui 22 riferibili al focolaio del San Raffaele Pisana di Roma e di questi 16 derivano dai tamponi di controllo effettuati ieri su pazienti e operatori risultati negativi ai primi tamponi. I pazienti sono da considerarsi un cluster di derivazione dei primi casi positivi della struttura”, conclude l’assessore.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background