Coronavirus: rischio Covid fino a 4 volte più alto per pazienti con cirrosi epatica  

Pubblicato da in data 17 Giugno 2020

Coronavirus: rischio Covid fino a 4 volte più alto per pazienti con cirrosi epatica

(Fotogramma)

Pubblicato il: 18/06/2020 14:57

In collaborazione con Gilead

Il coronavirus ha messo a dura prova i pazienti con malattie epatiche. “In Italia c’è una stima di circa 200-250mila persone con patologie del fegato avanzate come le cirrosi. Sono persone in cui una infezione da Covid ha conseguenze più gravi, soggetti che aggravandosi possono andare incontro a serie complicanze e anche al decesso. In un recente studio inglese, che ha analizzato 17 mln di pazienti, si è scoperto che la probabilità che un paziente con cirrosi si ammali di Covid-19 è doppia rispetto a chi non ha la malattia. Uno studio americano ha calcolato in 4 volte questa probabilità”. A fare il punto è Antonio Craxì, epatologo ordinario di Gastroenterologia dell’Università degli Studi di Palermo, direttore scientifico del corso in streaming ‘Covid 19 e malattie epatiche: Cosa è cambiato con la pandemia?’, un evento organizzato con il contributo di Gilead Sciences.

“Un importante studio multicentrico italiano, portato avanti nei centri di Pavia, Roma e Milano, ha evidenziato un rischio molto alto per le persone con cirrosi. Estrapolando i dati dei decessi totali Covid registrati fino ad oggi dalla Protezione civile, possiamo stimare in Italia in 6-700 i pazienti con patologie epatiche deceduti nei mesi più caldi della pandemia”, aggiunge Craxì all’Adnkronos Salute.

“C’è dunque un rischio importante per queste persone – osserva Craxì – spero che in autunno, e lancio un appello al ministro Speranza, se ci sarà il vaccino i malati epatici lo possano avere per primi. Inoltre, in Italia c’è un situazione particolare, oltre il 60% dei pazienti con cirrosi ha avuto l’epatiite C e tutti sono stati curati con la terapia introdotta da Aifa. Quindi – conclude l’epatologo – tutti i nominativi sono in una database dell’Aifa e queste persone possono essere convocate dall’oggi al domani per fare il vaccino. Spero non si faccia una guerra tra ‘poveri’, ovvero tra i malati, per averlo. Ma anche che si pensi prima alle persone che corrono più rischi per le loro condizioni cliniche”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background