Crisanti: “Io consulente pm Bergamo? Non parlo” 

Pubblicato da in data 17 Giugno 2020

Crisanti: Io consulente pm Bergamo? Non parlo

Afp

Pubblicato il: 18/06/2020 17:01

Si dice “sorpreso dall’indiscrezione” che lo vorrebbe come super esperto contattato dalla procura di Bergamo per l’inchiesta in corso sulla gestione dell’emergenza coronavirus nell’area, dalle mancate zone rosse per Alzano e Nembro alle decisioni prese per l’ospedale di Alzano dopo la conferma delle prime positività. Ma il virologo Andrea Crisanti non smentisce i rumors. “E non confermo neanche – precisa all’Adnkronos Salute -. Non sono certo informazioni che dovete chiedere a me, ma alla procura di Bergamo eventualmente”.

L’esperto a capo del Dipartimento di Medicina molecolare dell’università di Padova e direttore dell’Unità operativa complessa di Microbiologia e Virologia dell’azienda ospedaliera patavina, ha la bocca cucita. “Se fosse vero, e sottolineo se – è l’unica dichiarazione che rilascia a fatica – è ovvio che sarei disponibile a collaborare“. Per quanto in molti lo definiscano irriverente, schietto, ribelle – anche per le puntualizzazioni che ha riservato al governatore veneto Luca Zaia sulla paternità delle politiche sui tamponi – lo scienziato tiene a precisare: “Sono sensibile alle procedure istituzionali”. E anche per questo preferisce troncare ogni intervista: “Non dimentichiamo il grande rispetto che merita questa indagine”, conclude.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background