Covid, Le Foche: “Nuova ondata in autunno? Improbabile”  

Pubblicato da in data 28 Giugno 2020

Covid, Le Foche: Nuova ondata in autunno? Improbabile

(Afp)

Pubblicato il: 29/06/2020 11:02

“Non vedo correlazioni con la Spagnola: è molto improbabile che a settembre arrivi una nuova ondata. Peraltro non ci sono basi scientifiche per affermare una cosa del genere. Piuttosto, tra novembre e dicembre, con l’arrivo del freddo, mi aspetto una sovrapposizione con la classica sindrome influenzale, che in quel periodo si presenta sempre. E’ normale che oggi ci siano piccoli focolai in giro per l’Europa: la gente ha ricominciato a viaggiare per lavoro e ci si sposta per le vacanze. L’importante è tenere monitorato il territorio e non abbassare la guardia”. Lo dice il professor Francesco Le Foche, immunologo clinico, responsabile del Day hospital di Immunoinfettivologia del Policlinico Umberto I di Roma in un’intervista al quotidiano Libero.

“Le terapie intensive continuano a svuotarsi – continua Le Foche -. E’ questo che conta. Qualche positivo in più non fa la differenza, anche perché i casi gravi ormai sono rarissimi”. Poi aggiunge: “Ora però abbiamo tutte le possibilità di spegnere sul nascere le reinfezioni, non siamo più impreparati. Le condizioni sono diverse rispetto allo scorso inverno, quando abbiamo dato la possibilità alla malattia di circolare liberamente per due-tre mesi. Dobbiamo tornare alla normalità, anche se con attenzione”.

Per Le Foche due sono i fronti da sorvegliare con più attenzione allo stato attuale della diffusione del Coronavirus: “Bisogna individuare tempestivamente i luoghi fragili, quelli più degradati della società. Siamo passati dalla fase pandemica a quella endemica: l’incendio è stato spento, ma la brace è ancora calda. L’epidemia si combatte sul territorio, non negli ospedali, dove i pazienti non dovrebbero nemmeno arrivare. E vanno effettuati tamponi mirati: in questo momento non ha più senso testare ampie fasce di popolazione”.

“Qual è oggi la categoria più esposta? I giovani-adulti: molti sono contagiosi, ma asintomatici. Hanno un buon sistema immunitario che gli permette di non stare male, così rischiano di portare a casa la malattia contratta in ufficio o in fabbrica. Però ce ne sono anche tanti che pur avendola contratta non sono in grado di trasmetterla, perché la carica virale è molto bassa. La malattia è cambiata: il virus è meno aggressivo sulla cellula. La sindrome è diversa“, ha concluso Le Foche.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background