Muccino dallo Jonio al Tirreno con Raul Bova e Rucio Munos Morales 

Pubblicato da in data 2 Luglio 2020

Muccino dallo Jonio al Tirreno con Raul Bova e Rucio Munos Morales - Video

(Foto Adnkronos)

Pubblicato il: 03/07/2020 21:43

Un cortometraggio per promuovere la Calabria. E stato presentato oggi a Corigliano Rossano, in provincia di Cosenza, l’avvio delle riprese della pellicola finanziata dalla Regione Calabria diretta da Gabriele Muccino che vede protagonisti Raul Bova e la compagna, l’attrice spagnola Rucio Munos Morales. Un viaggio attraverso il quale il noto attore, di origini calabresi, accompagnerà la sua consorte alla scoperta della Calabria dallo Jonio al Tirreno.

“Lui la conduce – ha spiegato Muccino – con amore nella sua terra. Nelle mie ambizioni vorrei fare innamorare in sei, sette minuti lo spettatore di questo territorio, un luogo che nel suo variare ti coglie impreparato riuscendo a stupire in maniera profonda. E evidente che la Calabria abbia una galassia di sfumature sconosciute. Credo sia una regione che non si sia saputa raccontare abbastanza. Questo dispiace e fa venire una voglia di riscatto di cui mi faccio portavoce perché merita di essere visitata, scoperta e valorizzata”. (Video)

Il presidente della Regione Jole Santelli ha spiegato di aver preso contezza che la Calabria ha una povertà enorme di immagini e di voler creare una banca dati per rilanciare l’immagine del territorio. “Dobbiamo costruire un racconto della Calabria – ha dichiarato – è un primo tassello importante della nostra attività di promozione. Ho scelto Muccino perché è il regista dell’amore e perché credo che una terra riesce a descriverla meglio chi la conosce meno perché riesce a trasmettere lo stupore del viaggiatore. E prevista la traduzione in varie lingue in questo progetto che fotografa colori, profumi e la magia calabrese anche attraverso i frutti rendendo nota l’enorme biodiversità che ci caratterizza”.

Nino Spirlì, assessore alla Cultura della Regione Calabria, nel presentare il progetto cinematografico ha affermato che in Calabria “la Calabria parla in silenzio, un tacere che non è omertà. E la casa di tutti. Qui anche gli ebrei parlavano greco. La clabresità è una treccia che non si può sciogliere”.

Raul Bova visibilmente emozionato nel ricordare suo padre ha affermato che per lui questo spot è la realizzazione di un sogno. “E quello che avrei voluto fare con Rosio, – dichiara Bova – portarla qui e farle fare un bel giro perché papà ci teneva moltissimo e avrebbe voluto fargliela conoscere. Sono stato educato con valori calabresi: integrità, lealtà, forza d’animo, sguardo alto e rispetto. Da attore raccoglierò le esperienze fatte da giovane qui e le trasferirò in questo lavoro. Mi chiedo sempre come è possibile che questa terra che a me ha dato tanto e non possa dare tanto anche al resto del mondo. Essere vettore della promozione della ricchezza della Calabria, dal mare ai monasteri, alle cascate della mia zona di Bivongi mi rende fiero”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background