Coronavirus, Zaia: “Morto il serbo contatto zero” 

Pubblicato da in data 3 Luglio 2020

Coronavirus, Zaia: Morto il serbo contatto zero

(Fotogramma)

Pubblicato il: 04/07/2020 13:13

“Il ‘contatto zero’, il cittadino serbo che ha infettato i 4 veneti rientrati da quel Paese a Vicenza è deceduto“. Ad annunciarlo è stato il presidente del Veneto Luca Zaia oggi in un punto stampa. “Il Veneto non ha ripreso l’onda dei contagi. Il virus ce lo siamo andati a prendere in Serbia e ce lo siamo portati a casa”. “Stiamo parlando quindi di cinque positivi, di un focolaio, importato dall’estero: positivi che si sono contagiati in Serbia”. Zaia ha quindi spiegato che “la sanità veneta ha funzionato perché siamo andati a rintracciare tutti i contatti stretti che hanno portato alle 52 persone in isolamento fiduciario”.”Ad oggi, in Veneto, sono stati effettuati 1.001.885 tamponi”.

Zaia: “Tso da usare in casi estremi”

Il virologo Palù: “In Veneto 15 focolai e casi importati”

LA PROVENIENZA DEI FOCOLAI – “La novità, non irrilevante, è che abbiamo 118 stranieri coinvolti in focolai in Veneto. Ci portiamo quindi il virus da fuori. Ed è quindi fondamentale, senza creare allarmismi, stabilire regole di reciprocità con gli altri Paesi, questo per tutelare la salute dei cittadini italiani e stranieri”. Zaia ha spiegato che ad esempio “c’è il bollino rosso per i Paesi del Nord Africa, dove ci sono focolai importanti, e la novità è quella dei Balcani con il lockdown a Belgrado: i nuovi focolai dei Balcani sono un tema che va affrontato”.

ISOLAMENTO FIDUCIARIO – “E’ stato sbagliato togliere il penale per la mancata osservanza dell’isolamento fiduciario” ha detto il presidente del Veneto Luca Zaia oggi nel punto stampa in cui ha spiegato che “la regione non ha facoltà di introdurre contravvenzioni autonomamente, ma mutua le leggi nazionali previste dal Dpcm”, ha spiegato tornando a ribadire che “la regione non ha tanti poteri per l’utilizzo del Tso o l’introduzione del penale per la mancata osservanza dell’isolamento fiduciario. Ne ho parlato con il ministro Speranza e anche con il viceministro Sileri perché questi sono temi da affrontare a livello nazionale. Il ministro ha convenuto con me che il tema del ricovero obbligatorio, in casi estremi come quello avvenuto (dell’imprenditore di Vicenza, ndr.) è un tema da affrontare e da approfondire”.

IL VENETO NON E’ IL VIETNAM – “Lunedì presenterò l’ordinanza non per introdurre nuove regole per i cittadini ma per dare più potere ai sanitari per gli isolamenti fiduciari o peggio ancora per il ricovero di persone affette da coronavirus”. “Tutti noi qui in veneto viviamo ‘della pagnotta’ non possiamo permetterci e non possiamo mettere a ferro e fuoco i nostri operatori, le nostre aziende, facendo passare l’idea, a livello nazionale, che qui è tornato il Vietnam dal punto vista sanitario. Assolutamente no. Siamo a contagio praticamente zero secondo i dati“.

PIANO DI SANITA’ PUBBLICA – “A metà luglio presenteremo il Piano di Sanità Pubblica che dice con chiarezza che cosa faremo in futuro, poi sarà oggetto di valutazione e consigli, con un cronoprogramma per tutte le attività da farsi, ma non sarà uno spreco perché preferiamo avere gli ospedali vuoti e ma l’artiglieria schierata”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background