Berlusconi e i debiti del Pdl  

Pubblicato da in data 11 Luglio 2020

Berlusconi e i debiti del Pdl

(Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 12/07/2020 06:48

Pur avendo chiuso i battenti nel 2013, ben sette anni fa, per lasciare il posto alla ‘nuova’ Forza Italia, il Pdl continua a vivere, almeno dal punto di vista giuridico. Una vita da fantasma la sua, ma non proprio invisibile, visto che ha ancora tanti debiti da pagare. Spulciando l’ultimo bilancio, quello chiuso al 31 dicembre 2019, si scopre infatti che il Popolo della libertà ha i conti in rosso e che a garantirne la sopravvivenza ci pensa ancora uno dei suoi fondatori, Silvio Berlusconi, con un ‘contributo’ di 3 milioni di euro. Numeri alla mano, l’ex partito nato nel 2009 dalla fusione di Fi e An, presenta un disavanzo dell’esercizio, come si dice tecnicamente, di 194mila 440 euro e, ”per effetto di tale risultato, il disavanzo complessivo è aumentato, passando da 8 milioni 380 mila 917 euro del 2018 agli attuali 8 milioni 575 mila 357 euro”.

Una perdita ”più contenuta rispetto al 2018 di 106mila euro”, grazie a un ”rilevante decremento dei cosiddetti oneri della gestione caratteristica (dal personale alle bollette telefoniche, voci ormai azzerate), ma pur sempre un passivo non di poco conto. Al punto che i residui “crediti per contributi elettorali” di oltre un milione di euro risultato pignorati dai vari creditori. A gravare sulle casse pidielline, sono soprattutto le controversie legali ancora in corso, a cominciare da quella con l’ex partito di Gianfranco Fini.

”Illustriamo innanzitutto -scrive nella relazione gestionale il tesoriere, l’attuale senatore azzurro Salvatore Sciascia, insieme al suo ‘vice’, Alfonso Cefaliello- l’evoluzione delle due più rilevanti controversie legali in atto, in passato sfociate nel totale pignoramento dei residui crediti per rimborsi elettorali per un importo che al 31 dicembre 2019 si conferma di 1.167.235″. “Nel corso dell’anno -avvertono- non si sono verificate assegnazioni da parte del giudice competente, né svincoli delle somme non disponibili. Tali restrizioni hanno continuato a compromettere la gestione finanziaria della nostra Associazione causando una forte carenza di liquidità che ha frenato ogni azione strutturata di risanamento, anche transattivo, delle complessive posizioni debitorie in essere”.

La controversia di “gran lunga più rilevante” continua ad essere il giudizio che vede la Pdl contrapposta allà società ‘Roboris Re Srl’. Per il “2019 non si segnalano novità su questo contenzioso e, pertanto, rimane fissata per il 9 giugno 2021 l’udienza presso la Corte di Appello per la discussione del ricorso proposto dalla nostra Associazione avverso la sentenza di primo grado a noi non favorevole”. La “seconda maggiore controversia”, spiegano gli amministratori nazionali, “è quella sorta con Alleanza Nazionale, associazione in Liquidazione in merito agli addebiti di spesa da essa in precedenza effettuati per il triennio 2009-2011. Ad oggi è ancora efficace un atto di pignoramento presso terzi, a valere sui crediti per contributi elettorali, di ammontare pari ad 759 mila 239 euro, già comprensivo della maggiorazione applicata in ossequio alle disposizioni in materia rispetto all’antecedente atto di precetto di 506 mila 159 euro”.

A tal proposito, ricordano che nei “primissimi giorni del 2019 il giudice competente ha accolto le istanze del Pdl in merito al calcolo degli interessi da applicare, i quali in base a quanto esposto sull’atto di precetto appariva errato”. Di conseguenza, precisano, “tale sentenza ha comportato il ricalcolo degli stessi generando un sopravvenienza attiva già imputata nell’esercizio 2018. In relazione al 2019, invece, non si segnalano altre notizie riferite alla causa in oggetto”.

I tesorieri segnalano ”in aggiunta che nel corso dell’esercizio non sono stati ancora discussi i ricorsi in Corte di Appello proposti dalla nostra Associazione avverso alcune sentenze in primo grado non favorevoli relative ad ingiunzioni pervenute, emesse a seguito di verbali di accertamento risalenti agli anni 2012 e 2013 elevati per l’affissione di manifesti effettuata in modo non conforme a regolamenti del Comune di Roma”.

Da 7 anni, dunque, il Pdl non esiste più politicamente, ma ha una vita solo giuridica. ”Le principali attività poste in essere dal Pdl nel corso del 2019 -rimarcano i tesorieri- sono connesse alla prosecuzione delle operazioni relative all’estinzione progressiva delle spese di funzionamento, alla parziale dismissione delle immobilizzazioni ancora presenti tra le attività, alla riduzione ove possibile del numero di rapporti con istituti bancari e alla liquidazione di alcune minori passività pregresse”. Tra le ‘contribuzioni pervenute da persone fisiche” c’è solo quella del suo amministratore Sciascia (12mila 900 euro). Complessivamente i crediti ammontano a 1 milione 209mila 826 euro, mentre la disponibilità liquida è meno di 3mila euro. Sono stati azzerati i crediti vantati verso Forza Italia di 152mila 816 euro, ”integralmente sorti in precedenti esercizi”.

Tra le passività, si legge nel verbale della Direzione nazionale del Pdl riunitasi l’11 giugno scorso per approvare l’ultimo bilancio, i ”debiti sono in totale di 7 milioni 062 mila 278 euro: in tale posta sono iscritti nella voce ‘Altri debiti’ per un ammontare complessivo di 2 milioni 348 mila 105 euro i residui importi dovuti a Forza Italia per 1 milione 678 mila 614 euro e ad Alleanza Nazionale per 669 mila 491 euro”. Figurano, inoltre, i “debiti verso fornitori’ per 983 mila 598 euro e i ”debiti verso altri finanziatori nei quali è iscritto il finanziamento infruttifero di 2 milioni 800 mila euro concesso dal presidente Berlusconi in precedenti esercizi”. Il Pdl, insomma, risulta ancora debitore nei confronti del Cav per una somma di circa 3 milioni di euro versata qualche anno fa.

Discorso a parte meritano i residui ‘crediti per contributi elettorali’ per un milione 167mila 235 euro che “sono rimasti immutati rispetto all’anno scorso” e ”non sono stati ancora incassati perché al 31 dicembre 2019 risultano integralmente soggetti a pignoramento da parte di creditori del Pdl”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background