Parà muore a Piombino, ipotesi incidente sport estremo 

Pubblicato da in data 16 Luglio 2020

Parà muore a Piombino, ipotesi incidente sport estremo

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 17/07/2020 12:33

Un paracadutista del nono Reggimento d’assalto ‘Col Moschin’, che aveva circa 30 anni, originario della provincia di Milano, è morto a Piombino (Livorno) in un incidente di base jumping, sport estremo del quale era appassionato e che praticava fuori servizio. Sul caso stanno indagando i carabinieri di Piombino. Il corpo del parà è stato trovato la scorsa notte vicino a un traliccio alto circa 70 metri in località Perelli, ma l’esatta dinamica dell’accaduto è ancora al vaglio degli investigatori.

A dare l’allarme sono stati i commilitoni del 30enne milanese, preoccupati dal fatto che nella tarda serata di ieri non lo avevano visto rientrare nella caserma ‘Vannucci’ di Livorno. Secondo una prima ricostruzione degli investigatori, il parà potrebbe essersi lanciato dal traliccio, verso le 20.30.

Il cadavere è stato ritrovato nella notte, intorno alle 2,30. Visitando l’account Instagram del paracadutista, dove il militare postava foto e video della sua grande passione, il base jumping, i commilitoni sono risaliti al punto esatto in cui avrebbe potuto trovarsi.

Una volta scattato l’allarme per le ricerche, in località Perelli sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Piombino, coadiuvati dal personale del reggimento ‘Col Moschin’, oltre a un’ambulanza della Croce Rossa di Piombino con medico a bordo. Ma quando il parà è stato ritrovato, era già morto da alcune ore.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background