Caso Battisti, Sabbadin: “E’ ora che si cucia la bocca” 

Pubblicato da in data 17 Luglio 2020

Caso Battisti, Sabbadin: E' ora che si cucia la bocca

(AFP)

Pubblicato il: 18/07/2020 20:05

Sull’isolamento di Cesare Battisti nel carcere di Massama e la denuncia per abuso d’ufficio presentata alla Procura di Roma dai suoi legali “sarà la magistratura a valutare”. Ma “è ora che l’ex leader dei Pac la smetta, si cucia la bocca una volta per tutte e sconti la sua pena. E il cibo non gli va bene… siamo stanchi delle sue uscite, taccia e sconti la pena. La nostra di pena la stiamo ancora sopportando”. A dirlo all’Adnkronos Adriano Sabbadin, figlio di Lino, il macellaio ucciso il 16 febbraio 1979 a Santa Maria di Sala (Venezia) dai membri del gruppo Proletari Armati per il Comunismo, che al perdono nei confronti dell’ex terrorista non ci pensa proprio. “Lo ribadisco: io non perdono perché da parte di Battisti non c’è mai stato alcun cenno di pentimento nei nostri confronti”, sottolinea Adriano Sabbadin.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background