Corinaldo, marito vittima: “Ai miei figli dirò: giustizia fatta a metà” 

Pubblicato da in data 29 Luglio 2020

Corinaldo, marito vittima: Ai miei figli dirò: giustizia fatta a metà

Foto Ipa/Fotogramma

Pubblicato il: 30/07/2020 15:16

“Ai miei figli, che sono piccoli, racconterò che giustizia è stata fatta a metà”. Così Paolo Curi, marito di Eleonora Girolimini, la mamma 39enne morta nella strage di Corinaldo la notte tra il 7 e l’8 dicembre 2018. Per i 6 imputati pene ridotte rispetto alle richieste dell’accusa: Dodici anni e 4 mesi per Ugo Di Puorto, 12 anni e 3 mesi per Raffaele Mormone, 10 anni e 5 mesi per Badr Amouiyah, 11 anni e 3 mesi per Andrea Cavallari, 10 anni e 11 mesi per Souhaib Haddada e 11 anni e 2 mesi per Moez Akari.

“Ora aspettiamo il prossimo processo – continua Paolo – lì sono molto, molto più colpevoli di questi imputati, perché se non avessero riaperto quella discoteca mia moglie sarebbe ancora viva. Questi ragazzi hanno fatto lo stesso anche altrove e mai è morto nessuno. Io ero lì dentro, si respirava un’aria di non sicurezza al 200%, era sovraffollata all’inverosimile e la tragedia poteva nascere da una bomboletta, da una rissa, da qualsiasi cosa. I gestori, i proprietari, chi ha riaperto la discoteca tanto fatiscente: sono loro i responsabili”.

“In aula oggi ho visto ragazzi tranquilli – conclude il marito della 39enne che ha lasciato 4 figli – come se non si fossero resi conto. Non credo capiranno mai, questi sono giovani criminali”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background