“Forno crematorio” per migranti, sospeso responsabile Protezione civile Grado 

Pubblicato da in data 3 Agosto 2020

Forno crematorio per migranti, sospeso responsabile Protezione civile Grado

Afp

Pubblicato il: 04/08/2020 17:19

“Non preoccupatevi, stiamo organizzando gli squadroni della morte e nel giro di due giorni riportiamo la normalità… Quattro taniche di benzina e si accende il forno crematorio, così non rompono più”. E’ il post choc che è costato a Giuliano Felluga, responsabile della Protezione civile di Grado, l’immediata sospensione.

“Il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, la Protezione Civile della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e il Comune di Grado – si legge in un comunicato – stigmatizzano le parole diffuse sui social dal coordinatore dei volontari comunali, Giuliano Felluga. La protezione civile è una funzione a cui concorrono tutte le amministrazioni, dal piccolo Comune fino alla Presidenza del Consiglio dei ministri e tutte si riconoscono nella missione di tutelare la vita”.

“Le parole usate in quel post – prosegue la nota – sono quanto di più lontano possa esistere dallo spirito dei nostri volontari e da quello dell’intero Servizio Nazionale. L’amministrazione comunale di Grado, da cui dipende l’autore di queste dichiarazioni inaccettabili, provvederà alla sua immediata sospensione”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background