Cossiga, Follini: “Politici così non ci sono più” 

Pubblicato da in data 16 Agosto 2020

Cossiga, Follini: Politici così non ci sono più

(Fotogramma)

Pubblicato il: 17/08/2020 12:25

“Ricordo Cossiga con affetto, con una nota di rimpianto, con molti apprezzamenti e qualche punto interrogativo. Era un uomo di grande talento politico, fornito di un non comune senso dello Stato. Chi rilegga il messaggio inviato alle Camere che sollecitava la riforma delle istituzioni con il ‘bla bla’ di questi giorni sulla riduzione del numero dei parlamentari registra un drammatico salto all’indietro della politica italiana. Politici come lui non ce ne sono più. Siamo passati dalle sinfonie di Beethoven al festival di Castrocaro“. Così all’Adnkronos Marco Follini, capo dei giovani democratici e storico esponente della Dc, nel suo ricordo personale di Francesco Cossiga a dieci anni dalla scomparsa dell’ex Presidente della Repubblica.

Ripercorrendo i terribili giorni del sequestro Moro, Follini racconta: “Le sue dimissioni da ministro dell’Interno furono un atto nobile da un lato e un investimento fortunato dall’altro. Quando io mi dimisi la prima telefonata fu quella di Cossiga che mi disse ‘così si entra nella riserva della Repubblica’. Per lui fu un gesto sofferto ma gli spianò la strada verso altri incarichi che gli sarebbero stati preclusi se non lo avesse fatto”.

E ancora, Follini prosegue: “Accanto a tante note positive su Cossiga c’è un punto di domanda che riguarda il picconatore, quel suo uscire dalle righe negli ultimi due anni del Quirinale mi ha convinto meno, mi ha convinto meno il Pertini che era in lui. Mi convince di più il tratto istituzionale un po’ notabilare e custode delle tradizioni politiche che avevano contrassegnato tutta la sua carriera e la vita repubblicana fino a quel momento”, conclude.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background