Nove anni al padre che decapitò figlia 14enne, proteste in Iran 

Pubblicato da in data 27 Agosto 2020

Nove anni al padre che decapitò figlia 14enne, proteste in Iran

(Afp)

Pubblicato il: 28/08/2020 18:07

Sta sollevando polemiche in Iran la condanna a nove anni di carcere, da molti ritenuta troppo leggera, comminata a un uomo che ha decapitato la figlia 14enne. La sentenza è stata pronunciata nella provincia settentrionale di Gilan e, come riporta l’agenzia di stampa ‘Isna’, ha scatenato la rabbia della madre della ragazza e di molti iraniani che hanno inondato i social di commenti.

Secondo l’Isna’, la ragazza al centro della vicenda si chiamava Romina e viveva nella città di Hashtpar, sul Mar Caspio. La giovane, scappata di casa con un ragazzo più grande di cui si era innamorata, al suo ritorno a casa fu vittima di un atroce delitto d’onore. Il padre la decapitò con un’ascia mentre dormiva.

L’omicidio di Romina spinse anche il presidente Hassan Rohani a chiedere un’inasprimento della pena prevista dalla legge per questo genere di reati. Secondo la legge iraniana, i delitti d’onore sono punibili fino a un massimo di 10 anni di reclusione e con un risarcimento economico alla famiglia della vittima. L’omicidio invece è punibile con l’ergastolo o la pena di morte.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background