Tlc, Buffagni: “Rete unica per investimenti non per ripagare debiti società private” 

Pubblicato da in data 28 Agosto 2020

Tlc, Buffagni: Rete unica per investimenti non per ripagare debiti società private

(Fotogramma)

Pubblicato il: 29/08/2020 19:22

La rete unica deve essere uno strumento per “potenziare gli investimenti nel Paese” e non per ripagare “il debito delle società private”. Così all’Adnkronos il viceministro allo Sviluppo economico Stefano Buffagni sulla questione della rete unica.

“La creazione di una società unica della rete controllata dal pubblico ma in un ottica di mercato e che operi secondo il modello wholesale (all’ingrosso) con la concorrenza degli operatori sul mercato dei servizi è una precondizione per un rapido sviluppo delle infrastrutture digitali nel Paese“, afferma sottolineando che è “fondamentale correre, seguendo le indicazioni che Agcm ed Agcom esprimeranno per garantire competitività e indipendenza al sistema”.

Per Buffagni “un player pubblico unico sarà in grado di fare investimenti anche nelle aree meno profittevoli e interloquire con le società che realizzano le infrastrutture in maniera organica e vedendo al Paese nel suo complesso da nord a sud con il coinvolgimento attivo dei player di servizi che sono fondamentali per uno sviluppo in linea con le esigenze di mercato”.

E d’altra parte gli sviluppi sulla rete unica acquisiscono oggi maggiore importanza alla luce delle nuove esigenze emerse con il Covid, dal lavoro remoto alla necessità di spingere su innovazione e digitale per il rilancio dell’economia. “L’emergenza Covid-19 – osserva il vice ministro – seppur con i suoi risvolti drammatici, ha impresso un’accelerazione decisiva nello sviluppo digitale del Paese. Da questa emergenza dobbiamo ripartire anzitutto concludendo rapidamente i piani in corso di realizzazione (penso al piano aree bianche) sfruttando i fondi del Next generation Eu per completare il passaggio alla fibra fino a casa in tutte le aree del Paese, per il 5G e per data center e cloud nazionali come asset strategici”. I fondi del Recovery plan, incalza, “devono servire a sviluppare investimenti e tecnologie, non a pagare debito privato generato da altri”.

Quanto al coinvolgimento nella società della rete di tutti gli operatori che detengono tratti di fibra, conclude: “E’ fondamentale per il successo dell’operazione e stimolo alla continua evoluzione tecnologica. Si tratta della miglior garanzia di indipendenza rispetto all’ex monopolista che pure deterrà una partecipazione societaria significativa”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background