Al via Cibus Forum: filiera alimentare e governo a confronto su ripresa 

Al via Cibus Forum: filiera alimentare e governo a confronto su ripresa

(Fotogramma)

Pubblicato il: 02/09/2020 08:35

“Cibus Forum: Food&Beverage e Covid-19: dalla transizione alla trasformazione” si terrà mercoledì 2 settembre e giovedì 3 settembre 2020, presso il quartiere fieristico di Parma. Leader di agricoltura, industria alimentare e grande distribuzione si troveranno per delineare, assieme a rappresentanti del Governo e delle istituzioni, una strategia per la ripresa. Tra i relatori che parteciperanno alle sessioni infatti ci sarà Luigi Di Maio, ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione (presente fisicamente, con un intervento sulle problematiche del sistema fieristico e dell’export); Teresa Bellanova, ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (intervento da remoto, in streaming); Vincenzo Amendola, ministro per gli Affari Europei (intervento da remoto, in streaming).

La filiera, che ha dimostrato compattezza e reattività nella gestione della crisi adattandosi in velocità e sicurezza ai cambiamenti, si riunisce, per la prima volta dopo il lockdown, per un confronto diretto e un’analisi su quella che è la strada dell’agroindustria italiana per la gestione delle emergenze. L’evento si potrà seguire in diretta streaming all’indirizzo www.cibusforum.it. Gli scenari aperti a seguito della pandemia globale di Covid-19 sono tutt’oggi incerti e hanno imposto un cambiamento degli stili di vita e delle abitudini d’acquisito.

Cibus Forum sarà quindi un’importante occasione di dibattito sulla ripartenza dei consumi interni, sui processi di produzione, distribuzione e somministrazione, sul ruolo dell’alimentazione made in Italy nell’ambito della salute e sul sostegno al martoriato canale del fuori casa, uno dei più colpiti dalla crisi, a cui si cercherà di offrire proposte che puntino su innovazione e ricerca. Ben 600 operatori del ‘food&beverage’ hanno già confermato la loro presenza fisica ai due giorni di Cibus Forum, che, seguendo rigidi protocolli di sicurezza, sarà il primo segnale di ripartenza dopo l’esperienza della pandemia. Per questo evento sono stati, infatti, attivati tutti i necessari protocolli di sanificazione e sicurezza previsti dalle Linee guida nazionali e dell’Associazione esposizioni e fiere italiane, Aefi.

Oltre ai rappresentanti del governo, nutrito il parterre dei relatori: Roberto Luongo direttore generale Ice Agenzia; Ivano Vacondio presidente Federalimentare, Massimiliano Giansanti, presidente Confagricoltura; Dino Scanavino, presidente Cia-Agricoltori Italiani; Ettore Prandini (in streaming), Marco Pedroni, presidente Coop Italia; Giorgio Santambrogio, ad Gruppo VéGé; Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’ Inmi Lazzaro Spallanzani; Stefano Bonaccini, governatore Regione Emilia Romagna; l’europarlamentare Paolo De Castro, il presidente Fondazione Univerde Alfonso Pecoraro Scanio e altri ancora.

Le due giornate di convegno, accompagnate da un’esposizione di soluzioni innovative, saranno divise in quattro sessioni. La Sessione I dedicata ai cambiamenti dei modelli di consumo e dei rapporti industria-distribuzione innescati dalla pandemia Covid e quindi alle nuove politiche di assortimento e somministrazione. La Sessione II tratterà del rapporto tra alimentazione e salute e come questo potrà influire nella gestione della “nuova normalità”.

Il secondo giorno di dibattiti, si aprirà con una tavola rotonda sulle donne imprenditrici del food e il nuovo linguaggio dell’agroalimentare, per poi analizzare nella Sessione III, il peso della crisi sui vari settori della filiera, con un confronto sul progetto europeo del Green Deal e della strategia Farm to Fork. La Sessione IV sarà dedicata alle nuove sfide epocali: povertà alimentare, trasformazione sostenibile dell’intera filiera, valorizzazione dell’agricoltura identitaria e territoriale. Le sessioni saranno anche trasmesse in diretta streaming, in italiano e inglese, per dare la possibilità agli oltre 3.000 top buyers del network di Cibus di seguire l’evento.