Bocca (Federalberghi): “20% hotel non hanno riaperto” 

Pubblicato da in data 6 Settembre 2020

Bocca (Federalberghi): 20% hotel non hanno riaperto

(Foto Fotogramma)

Pubblicato il: 07/09/2020 17:21

“Alcuni alberghi hanno aperto durante la stagione estiva e ora stanno richiudendo. Prima dell’estate il 40% degli alberghi erano aperti, adesso se ne è aggiunto un ulteriore 40%, siamo all’80% di aperture, quindi il 20% degli alberghi non ha riaperto“. Ad affermarlo in un’intervista all’Adnkronos è il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca. “In termini numerici su 30 mila alberghi presenti in Italia circa 5.000 quest’anno non hanno riaperto, strutture che sono soprattutto nelle città d’arte” ha affermato Bocca.

La situazione è drammatica“, sottolinea Bocca per descrivere l’attuale panorama del turismo italiano e in particolare degli alberghi. “Quest’anno ci aspettiamo, in generale, cali di fatturato intorno al 70% e così è difficile andare avanti” afferma. “A settembre le città d’arte continuano a soffrire perché vivono di turismo americano, che oggi è completamente assente, – spiega Bocca- nelle zone di vacanza le ferie sono finite, ci sono difficoltà per i congressi e non c’è neanche un’attività di business perché le aziende sono in smart working. Dopo la parentesi estiva che ha aiutato le zone di villeggiatura, oggi siamo tornati di nuovo a dati tremendi”. Quanto a un bilancio sulla stagione estiva, ormai archiviata, Bocca sintetizza come “nei luoghi di villeggiatura, al mare, in montagna e ai laghi, dopo aver perso la Pasqua, maggio e giugno si sono visti un luglio e soprattutto un agosto decenti, con fatturati al di sotto dell’anno scorso ma sufficienti almeno a coprire i costi”. La flessione del turismo però ha colpito duramente le città d’arte dove i fatturati sono a -80%, cali si registrano anche in molte altre zone, in media del – 20%”.

“Non vorrei che il vedere qualche spiaggia affollata a ferragosto – osserva il numero di Federalberghi – abbia fatto pensare che la crisi è alle spalle. La crisi continuerà a lungo: gli americani parlano della primavera del 2021”. E A Natale ci sarà una ripresa? Bocca è scettico: “Gli italiani rimarranno in Italia, magari andranno in montagna, ma senza turismo straniero l’Italia non vive”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background