Smart working, come cambia a gennaio 

Pubblicato da in data 10 Settembre 2020

Smart working, come cambia a gennaio

(Fotogramma)

Pubblicato il: 11/09/2020 16:11

“Da gennaio in avanti abbiamo previsto un Piano organizzativo del lavoro agile, in cui almeno il 60% dei lavoratori pubblici dovrà essere messo in modalità di lavoro agile”. Lo ha confermato il ministro per la Pa Fabiana Dadone a “TimeLine” a Sky Tg24.

Lo smart working (o lavoro agile) significa “in maniera intelligente; -ha spiegato- deve cambiare l’organizzazione del lavoro: in spazi di coworking, in degli hub”, ovvero “degli stabili del Demanio che vanno recuperati”. “Bisogna prendere spunto dal privato e tentare di condividere le idee in uno spazio comune senza fare chilometri, – ha spiegato – in un luogo che preveda la condivisione degli spazi, dove si possa lavorare anche con un pc portatile”.

“Si tratta di portare il lavoro agile ad un passo successivo, -ha aggiunto – a una riorganizzazione intelligente. La Pa deve rivoluzionare il concetto di lavoro che oggi viene attestato sulla presenza fisica ma che invece deve essere nell’ottica del risultato”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background