Scuola, sui banchi anche 269mila studenti disabili ma per molti niente sostegno 

Pubblicato da in data 13 Settembre 2020

Scuola, sui banchi anche 269mila studenti disabili ma per molti niente sostegno

Fotogramma

Pubblicato il: 14/09/2020 12:11

“Tornano sui banchi 5,6 milioni di alunni, presto saranno 8,3 milioni con 269 mila disabili: +10 mila in un anno e molti oggi non hanno trovato il docente di sostegno”. A denunciare l’assenza di insegnanti di sostegno alla ripartenza delle attività scolastiche, è l’Anief che aggiunge: “Migliaia di cattedre richieste dai presidi in deroga agli organici ricevuti rimangono senza risposta”. Per questo Anief rilancia l’ennesima campagna #nonunoradimeno con ricorsi gratuiti per le famiglie per ottenere gli insegnanti richiesti nel Pei. Per Marcello Pacifico, presidente Anief: “Serve un impegno del Governo per rendere questi organici effettivi ed evitare il balletto delle supplenze ogni anno. In questo modo si garantisce la continuità e non con blocchi alla mobilità del personale”. “Ormai la situazione è cronica, quasi un insegnante su due è precario su posti di sostegno a fronte di una costante crescita delle iscrizioni e della continua lotta delle famiglia ad avere il numero delle ore richieste dalle équipes mediche. È arrivato il momento dopo anni di tagli di garantire il diritto all’istruzione di tutti i nostri alunni, anche di quei 500 mila Bes rimasti lettera morta nella legge”, dice Pacifico.

Tra i dati ufficiali del ministero dell’Istruzione sulle iscrizioni al nuovo anno scolastico, spiega l’Anief “spiccano quelli degli allievi con disabilità certificata: questi passano dai 259.757 di un anno fa ai 268.671 del corrente anno”. “L’incremento è stato esponenziale: nel 2006 gli alunni disabili certificati erano 180 mila, quindi un meno di 15 anni si è assistito ad un aumento reale del 50 per cento, mentre i posti in organico di diritto superano di poco le centomila unità. Il bisogno di supplenti è tale che oggi ci troviamo oltre 80 mila supplenti annuali che saranno chiamate dai presidi da elenchi aggiuntivi di insegnanti senza specializzazione prima di ricorrere con le messe a disposizione”, avverte Anief.

“Ora che anche il ministero dell’Istruzione certifica l’aumento degli alunni con disabilità – dice Pacifico–, anche quest’anno pari a 10 mila iscritti in più rispetto al passato, si fa sempre più cogente l’esigenza di specializzare nuovi insegnanti: a fronte di 83 mila docenti precari da assumere, con il V corso Tfa sostegno solo un quarto conseguiranno la specializzazione. Ecco perché abbiamo chiesto al Tar di ammetterne più del doppio. E per lo stesso motivo riteniamo che anche chi ha conseguito o conseguirà la sufficienza debba essere ammesso al corso specializzante: in questo secondo caso, fino al 5 ottobre, dopo avere svolto la prova, coloro che hanno conseguito la sufficienza senza essere ammessi potranno ricorrere. Sempre con il patrocinio del nostro sindacato, famiglie e personale potranno anche rivendicare che le tante cattedre di sostegno in deroga e non considerate ‘piene’ possano essere collocate in organico di diritto e con un numero di ore completo: l’iniziativa ‘Non un’ora di meno’”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background