Studenti ‘Giulio Cesare’ Roma: “Emozionante, ma che fastidio le mascherine” 

Studenti 'Giulio Cesare' Roma: Emozionante, ma che fastidio le mascherine

(Fotogramma)

Pubblicato il: 14/09/2020 12:41

Alle 11.50, in punto, suona la campanella al Liceo Giulio Cesare di Roma. Il primo giorno del ritorno a scuola è terminato. Almeno per gli studenti del quarto ginnasio; da domani via libera per tutte le altre le classi.

Sei mesi dopo i ragazzi tornano quindi a scuola alle prese con i libri di greco, latino, storia e matematica. Anche se con le mascherine, il distanziamento e il gel posizionato in ogni angolo dell’istituto. “E i banchi separati”, dice all’Adnkronos uno studente all’uscita. “Sì, ma per fortuna non a rotelle – prosegue- nelle aule ci sono sia monoposto che doppi, anche se in quelli da due ci può stare soltanto una persona. E stato bello rivedere i miei compagni”.

“Con la mascherina si muore di caldo. Non si può”, si sfoga all’Adnkronos una ragazza del Giulio Cesare. “In realtà – precisa – durante la lezione possiamo stare senza. Ma per alzarci, per fare ricreazione, per andare in bagno, è obbligatoria. La cosa positiva è che almeno é tutto più igienico”. “E poi c’è tutto il percorso che hanno disegnato per muoverci durante le pause tra una lezione e l’altra. Tutto sembra funzionare – racconta una studentessa – ma è solo l’inizio”.

“Finalmente una parvenza di normalità – spiega una mamma – pensavo che questo giorno non sarebbe mai arrivato. Eppure eccoci qua. Come sta mia figlia? Immagino come tutte, emozionata, la sto aspettando. Di sicuro mi rimprovererà perché sono qui davanti e lei si vergogna con gli amici, ma era troppo grande il desiderio di rivederla andare a lezione”.

Tra incertezze e difficoltà, sembra la fine di un incubo. “Presto per dirlo – dice un papà all’Adnkronos siamo stati tutti bombardati di notizie, novità, allarmi. Speriamo che si possa ripartire in sicurezza intanto”. Domani al Liceo Ginnasio Giulio Cesare la campanella di ingresso suonerà alle 8.30 per tutte le altre classi.