Ecco la ‘cannabis bomba’, piena di Thc 

Pubblicato da in data 21 Settembre 2020

Ecco la 'cannabis bomba', piena di Thc

(Fotogramma)

Pubblicato il: 22/09/2020 17:17

Non è più solo ‘erba’. Oggi nell’Ue, sottolinea il rapporto 2020 dell’Emcdda, l’agenzia Ue che si occupata di tossicodipendenze, è diventato “sempre più facile” procurarsi prodotti ad alto tenore di Thc, tetraidrocannabinolo, il principio psicoattivo della canapa. In media, il tenore di Thc della marijuana oggi in circolazione è “doppio” rispetto a quello misurato nel 2008.

La cannabis, spiega l’Emcdda, oggi gioca un ruolo “importante” nei percorsi di trattamento per droga, ma il rapporto tra i problemi legati alla sostanza e gli sviluppi nel mercato della droga è ancora poco noto.

Nel frattempo il mercato della cannabis sta cambiando: si afferma la presenza di prodotti ad alto contenuto di Thc (tetraidrocannabinolo) e, rispetto a soli dieci anni fa, è diventato sempre più facile procurarsi nuove forme di cannabis, nonché prodotti commerciali basati su estratti della pianta. Inoltre, la resina di cannabis e la cannabis in foglie e infiorescenze hanno in media un contenuto di Thc “doppio” rispetto a dieci anni fa.

L’insieme di questi dati porta a ritenere “urgentemente necessaria” una sorveglianza “più intensa” in questo settore. Questi problemi e altri, quali la disponibilità di prodotti a basso contenuto di Thc, commercializzati per l’alto contenuto di Cbd (cannabidiolo, un altro principio attivo della canapa che però non ha effetti stupefacenti), verranno esaminati in una delle prossime edizioni della serie di relazioni dell’Emcdda.

L’analisi condotta dall’Emcdda evidenzia “un aumento della potenza sia della cannabis in foglie e infiorescenze sia della resina di cannabis dal 2008. I dati più recenti fanno supporre che il contenuto di THC della resina venduta in Europa sia oggi in media il doppio di quello della cannabis in foglie e infiorescenze.

Dei Paesi che hanno svolto indagini a partire dal 2017 e comunicato gli intervalli di confidenza, otto hanno segnalato stime più elevate per l’uso di cannabis tra i giovani adulti (15-34 anni) rispetto all’anno precedente, tre hanno rilevato dati stabili e uno stime più basse rispetto alla precedente indagine comparabile. In otto di questi Paesi, l’indagine più recente ha evidenziato un aumento dell’uso tra i 15-24enni.

In base alle indagini sulla popolazione generale, si stima che nell’Unione europea i consumatori quotidiani o quasi quotidiani di cannabis, che hanno cioè fatto uso di questa droga per 20 o più giorni nell’ultimo mese, siano l’1% circa degli adulti, costituiti per la maggioranza (circa il 60 %) da persone sotto i 35 anni e per circa i tre quarti da maschi.

Nel 2018 in Europa circa 135mila persone sono entrate in trattamento specialistico per problemi legati al consumo di cannabis (il 32% di tutte le richieste di trattamento); di queste, circa 80mila lo hanno fatto per la prima volta. Nei 24 Paesi Ue che dispongono di dati, il numero complessivo di utenti presi in carico per la prima volta per problemi legati alla cannabis è aumentato del 64% tra il 2006 e il 2018.

Quindici Paesi hanno segnalato un incremento fra il 2006 e il 2018 e 14 hanno segnalato un incremento nell’ultimo anno (2017-2018). Complessivamente il 50% dei soggetti entrati in trattamento per la prima volta nel 2018 per uso primario di cannabis ha riferito un consumo quotidiano dello stupefacente nell’ultimo mese.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background