Mafia Capitale, Cassazione assolve Venafro 

Mafia Capitale, Cassazione assolve Venafro

Fotogramma

Pubblicato il: 22/09/2020 22:36

La Corte di Cassazione ha assolto l’ex capo di Gabinetto della Regione Lazio Maurizio Venafro, accusato di turbativa d’asta e condannato a maggio 2019 in secondo grado a un anno con pena sospesa nell’ambito di uno dei filoni del processo Mafia Capitale. I giudici di Piazza Cavour hanno disposto inoltre un nuovo processo per Mario Monge, dirigente della cooperativa Sol.Co., condannato a un anno e 4 mesi. L’ex braccio destro di Nicola Zingaretti era stato già assolto in primo grado con formula piena. I fatti contestati si riferivano all’affidamento della gara d’appalto per l’assegnazione del servizio Cup della Regione Lazio nel 2014.

“La Procura di Roma ancora una volta viene smentita. Venafro è stato perseguito ingiustamente”. Lo affermano gli avvocati Maurizio Frasacco e Gianpiero Mendala, difensori di Venafro.