Nasce Feoli, Federazione Europea Operatori Logistica Integrata  

Pubblicato il: 26/09/2020 19:02

E’ nata a Roma nella sede di Via Veneto la Federazione Europea degli Operatori della Logistica Integrata (Feoli). Un progetto associativo ambizioso, che nasce in un periodo di grave crisi che sta investendo il mondo intero, che però visto il valore strategico del settore e l’importanza ed il costante sviluppo dell’intera filiera della logistica integrata anche durante e dopo il lockdown, può e deve necessariamente rappresentare a 360^ il mondo degli operatori della logistica che saranno eccezionalmente coinvolti nella rinascita del sistema paese anche in visione Europea.

Presidente della neonata Federazione è Enrico Folgori, attualmente Manager di Sic Europe, dirigente d’azienda ed imprenditore con dei trascorsi politici e manageriali nella pubblica amministrazione, che ha ringraziato per il prestigioso incarico conferitogli oltre a garantire il massimo impegno affinché la Feoli possa rappresentare per gli associati un punto di riferimento all’altezza delle sfide che ci saranno nei prossimi anni, ed avere la massima determinazione e contributo fattivo relativamente alle proposte da presentare agli interlocutori istituzionali nazionali ed europei. La Feoli conta già un numero importante di imprese che hanno aderito, in rappresentanza delle stesse è stato eletto un comitato di presidenza.

“La Logistica rappresenta circa il 10% del Pil Italiano, e nel breve nel nostro paese verranno poste le basi del proprio futuro economico e produttivo vedi Recovery Plan e Digitalizzazione”, ha affermato Enrico Folgori, presidente di Feoli.

“L’intera filiera della Logistica deve necessariamente avere la sua centralità nelle scelte e negli indirizzi governativi anche finalizzati al superamento del gap infrastrutturale con il resto d’europa. Dovranno tenere conto che la sfida sarà puntare sull’ innovazione tecnologica per essere competitivi a livello internazionale e conseguenzialmente avere una filiera della Logistica più tecnologica ovvero più efficiente e più sostenibile dal punto di vista ambientale”, conclude Folgori.