Ruby Ter, processo stralcio Berlusconi a Siena: chiesto rinvio udienza per malattia  

Pubblicato da in data 27 Settembre 2020

Ruby Ter, processo stralcio a Berlusconi a Siena: chiesto rinvio per malattia

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 28/09/2020 18:36

I legali di Silvio Berlusconi hanno chiesto al Tribunale di Siena il rinvio dell’udienza fissata per giovedì 1° ottobre dello stralcio senese del processo cosiddetto Ruby ter. Per quella data era attesa la sentenza. L’avvocato Enrico De Martino, ha appreso l’AdnKronos, ha presentato istanza di legittimo impedimento per il leader di Forza Italia che risulta ancora positivo al Covid-19 e i motivi di salute rappresenterebbero pertanto un ostacolo alla sua presenza in aula. Sarà il giudice Ottavio Mosti a decidere sull’istanza di legittimo impedimento e nel caso di accoglimento fisserà una nuova data per l’udienza conclusiva del processo.

La Procura di Siena, con il pm Valentina Magnini, nell’udienza del 13 febbraio aveva chiesto 4 anni e 2 mesi di reclusione per Silvio Berlusconi imputato per corruzione in atti giudiziari. Secondo l’accusa, l’ex premier avrebbe pagato il pianista senese Danilo Mariani, che si esibiva nella sua villa di Arcore, per indurlo a falsa testimonianza sul caso olgettine. La Procura ha chiesto 4 anni e 6 mesi per Mariani per il reato di falsa testimonianza. I difensori di Berlusconi, gli avvocati Federico Cecconi ed Enrico De Martino, hanno sempre contestato la ricostruzione dell’accusa.

Il 21 maggio scorso il giudice Mosti aveva rinviato l’udienza prevista in quel giorno al prossimo 1 ottobre per l’impossibilità degli avvocati milanesi del Cavaliere di spostarsi e raggiungere la città toscana a causa dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus.

Il processo senese è stato originato da un fascicolo trasmesso dal Tribunale di Milano a quello della città del Palio nel 2017 per competenza territoriale. Per i pm milanesi, infatti, a Siena sarebbe stato completato il pagamento effettuato da Berlusconi a Danilo Mariani, pianista delle feste di Arcore, per indurlo a rendere testimonianze edulcorate sulle serate a Villa San Martino nei processi del Ruby gate.

Secondo l’accusa i bonifici effettuati da Berlusconi a Mariani come ‘rimborsi spesa’, circa 170mila euro in tre anni dal 2011 al 2013, sarebbero stati in realtà dei pagamenti per indurre il pianista di Arcore a falsa testimonianza sul caso delle cosiddette olgettine.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background