Bonomi a Conte: “Se si fallisce andiamo tutti a casa” 

Pubblicato da in data 28 Settembre 2020

Bonomi a Conte: Se si fallisce andiamo tutti a casa

(Fotogramma)

Pubblicato il: 29/09/2020 15:45

”Da troppi anni in Italia manca una visione”, serve ”una visione alta e lungimirante”. Così il presidente di Confindustria Carlo Bonomi, dal palco dell’assemblea che segna il suo debutto ufficiale ai vertici dell’associazione degli imprenditori.

Se si fallisce, nei pochi mesi ormai che ci separano dalla definizione delle misure da presentare in Europa, non va a casa solo lei – dice rivolto al premier Giuseppe Conte, seduto in platea – andiamo a casa tutti perché il danno per il Paese sarebbe immenso. Non ce lo possiamo permettere. E’ tempo di azione comune, oppure non sarà un’azione efficace”. E ricorda: “Presidente lei ha detto ‘se sbaglio sull’utilizzo del Recovery Fund mandatemi a casa’. No signor presidente, se si fallisce non va a casa solo lei, andiamo a casa tutti” ribadisce.

Scandisce Bonomi dal palco: “Servono scelte per l’Italia del futuro, scelte anche controvento. Serve il coraggio del futuro“. Ancora, “serve una rotta precisa per dare significato complessivo alle misure. E per tracciare la rotta serve un approdo sicuro”. Ed è per recuperare 25 anni di bassissima produttività che serve “un quadro netto e chiaro, di poche decisive priorità su cui riorientare la crescita del Paese e servono strumenti fini per indirizzare la politica economica e industriale dell’Italia”, sottolinea.

Inoltre “serve un nuovo grande patto per l’Italia” dice Bonomi ribadendo la necessità di una nuova alleanza tra imprese, sindacati e governo. “La nuova produttività che serve all’Italia dopo 25 anni di stasi deve considerare contestualmente le politiche di innovazione, la formazione e l’advance knowledge, la regolazione per promuovere l’efficienza dei mercati, le infrastrutture abilitanti sia fisiche sia istituzionali e interventi strutturali per la coesione sociale”, spiega.

Un “concetto ampio” di produttività su cui concentrare le azioni e le politiche nei prossimi anni, dice, “con l’obiettivo di massimizzare il ruolo di motore dello sviluppo del sistema delle imprese e del lavoro e dare centralità alla manifattura”.

“Questo è il fulcro del Patto che chiediamo al governo di scrivere: con noi e con tutte le parti sociali. Un grande patto”, prosegue Bonomi ricordando gli appelli lanciati dal presidente della Repubblica.

“Le ambiguità della politica non devono aggiungere ulteriore incertezza e sfiducia nel Paese” ammonisce il neo presidente degli imprenditori.

“Nessun provvedimento di politica economica, nessuna misura istituzionale, nessun capitolo di spesa generano effetti positivi, rilevanti e durevoli senza che la strategia in cui si iscrivono venga compresa e validata dagli operatori economici. Il futuro – sottolinea – si può subire, attraversare o invece progettare. E occorre farlo da parte della politica e delle istituzioni coinvolgendo ogni grande soggetto della vita economica e sociale del nostro Paese non solo nell’ascolto ma nella definizione stessa delle priorità”, rimarca.

E ”il primo ad aver richiamato più volte, negli ultimi mesi, all’urgenza di fissare chiare priorità è stato il capo dello Stato”. A Sergio Mattarella, afferma Bonomi, ”esprimo la più calorosa gratitudine e infinita stima per l’equilibrio e la fermezza con cui svolge il suo mandato di custode della Costituzione e di grande moderatore della nostra Repubblica”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background