San Marino: Greco (Consiglio Europa), ‘si limiti influenza politica su giustizia’ 

Pubblicato da in data 28 Settembre 2020

Consiglio d'Europa (Greco): a San Marino si limiti influenza politica su giustizia

Pubblicato il: 29/09/2020 19:08

di Roberta Lanzara – “Modificare la composizione del Consiglio della Magistratura della Repubblica di San Marino per limitare l’influenza della politica”. A suggerirlo il rapporto pubblicato dall’organismo anti-corruzione del Consiglio d’Europa (Greco), di seguito alla destituzione lo scorso 24 luglio di una serie di figure dal Tribunale della Repubblica del Titano, tra cui quella di Giovanni Guzzetta, ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico all’università di Roma Tor Vergata, che da presidente della Corte costituzionale san marinese era stato chiamato a dirigere il Tribunale. Di quel ruolo è stato incaricato ieri Giovanni Canzio (75 anni), già primo presidente della Cassazione nel 2016 fino alla pensione a fine 2017, per raggiunti limiti di età.

Questo rapporto dimostra che ci sono delle criticità importanti nel sistema giudiziario sanmarinese che uno spirito collaborativo con istituzioni sovranazionali potrebbe rapidamente colmare chiudendo una stagione molto drammatica“, commenta all’Adnkronos Giovanni Guzzetta, del quale il Gruppo visitatori Greco (Gvg) nel rapporto riconosce “gli sforzi dirigenziali profusi dal Dirigente del tribunale, che era in carica al momento della visita in loco, fin dall’inizio del suo mandato”.

“Occorre potenziare anche la trasparenza e l’accessibilità delle informazioni pubbliche sul lavoro delle istituzioni giudiziarie”, si legge nella relazione dell’organismo anti-corruzione del Consiglio d’Europa che chiede anche “una nuova valutazione del carico di lavoro delle procedure interne e delle risorse del tribunale al fine di migliorare e semplificare il suo funzionamento”.

Secondo l’analisi, “si potrebbe fare di più in materia di responsabilità giudiziaria in particolare sviluppando un approccio globale all’integrità giudiziaria e migliorando la regolamentazione delle azioni disciplinari per incrementare l’oggettività, la trasparenza e l’equitànell’assegnazione dei casi, in particolar modo rafforzando i criteri di assegnazione”.

Il rapporto esamina inoltre i meccanismi di prevenzione della corruzione e raccomanda “l’adozione di un codice di condotta per i parlamentari, nonché l’introduzione di un sistema di dichiarazione pubblica di patrimonio e interessi. L’attuazione delle 14 raccomandazioni rivolte a San Marino sarà oggetto di una valutazione da parte del Greco nel quadro della sua procedura di conformità durante il secondo semestre 2022”.

Nel frattempo, alla destituzione di questa estate sono seguiti tra l’altro un provvedimento disciplinare nei confronti del magistrato Alberto Buriani e ieri il sollevamento dal loro incarico dei giudici d’appello Ferdinando Treggiari, Andrea Morrone e del Commissario della legge Massimiliano Simoncini, che dovrebbe tornare a fare l’uditore commissariale. Di ieri sono anche le dimissioni del giudice per i rimedi straordinari, Vitaliano Esposito. (di Roberta Lanzara)


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background