Amazon, 20mila dipendenti positivi al Covid 

Pubblicato da in data 1 Ottobre 2020

Amazon, 20mila dipendenti positivi al Covid

Foto Fotogramma

Pubblicato il: 02/10/2020 07:26

Amazon ha ammesso che quasi 20.000 dei suoi dipendenti statunitensi sono risultati positivi, o presunti positivi, al coronavirus da quando la pandemia ha iniziato a diffondersi nel paese quest’anno.

Il colosso delle consegne ha dovuto affrontare dure critiche quest’anno in quanto centinaia di lavoratori e critici hanno detto che non ha fatto abbastanza per mantenere i dipendenti al sicuro mentre lavorano nei suoi magazzini in mezzo a un’impennata della domanda di invio di articoli agli acquirenti in tutto il paese.

Amazon ha sottolineato in un blog che il numero di dipendenti che hanno avuto la malattia comprende i lavoratori della sua catena di negozi di alimentari Whole Foods Market. In totale, 19.816 dipendenti hanno avuto il Covid-19 tra il 1 marzo e il 19 settembre, circa l’1,44% dei 1.372.000 lavoratori in prima linea per Amazon durante quel periodo.

Il gigante della tecnologia ha avuto un anno di intensi alti e bassi a causa della pandemia. Le sue vendite sono salite vertiginosamente man mano che la gente faceva acquisti online, soprattutto mentre in molti stati sono state adottate misure di lockdown. Amazon ha sottolineato che il tasso di infezione è inferiore a quello della popolazione statunitense, citando i numeri della Johns Hopkins University. Secondo la portavoce di Amazon, Kelly Cheeseman, i numeri non comprendono gli autisti delle consegne dell’azienda, che sono tipicamente lavoratori a contratto.

I numeri mostrano solo il tasso di infezione di Amazon negli Stati Uniti e includono solo i dipendenti in prima linea, come i magazzinieri e i cassieri di Whole Foods. A marzo, i lavoratori in Spagna e in Italia sono risultati positivi al virus e si sono uniti a quelli negli Stati Uniti e in tutta Europa per firmare una petizione che invitava Amazon ad adottare linee guida di sicurezza più severe, ha riferito il Washington Post.

Più di 1.500 lavoratori hanno firmato la petizione e un dipendente ha definito le condizioni di lavoro “totalmente insufficienti” per mantenere le persone al sicuro. Da allora, Amazon ha messo in atto misure di sicurezza più severe e ha avviato un proprio laboratorio di test sui coronavirus per controllare i lavoratori. Amazon ora conduce “migliaia” di test ogni giorno, e ha l’obiettivo di arrivare a 50.000 test al giorno in 650 siti entro novembre, ha spiegato l’azienda.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background