Fase 3: Anbc, rischio collasso per settore catering, 100mila addetti coinvolti 

Anbc: settore catering e 100mila addetti a rischio collasso, con altre restrizioni colpo di grazia

Pubblicato il: 06/10/2020 18:37

“Ad oggi il settore del catering è tra i più colpiti dalla crisi economica generata dalla pandemia. Nei tre mesi estivi dopo il lockdown si è registrato un calo del 90%, quindi con eventi quasi del tutto assenti. Miglioramento impercettibile previsto per questo mese di settembre, con un calo leggermente meno drastico ma che comunque registra un -70%. E’ del tutto evidente che con questi numeri rischiamo il collasso di un settore importante che conta 2.000 imprese per 100.000 addetti e 2 miliardi e 200 milioni di fatturato stimato. In virtù di questa situazione ulteriori restrizioni servirebbero solo a dare il colpo di grazia”. Così, con Adnkronos/Labitalia, Paolo Capurro, presidente di Anbc, Associazione nazionale banqueting e catering, lancia l’allarme sulla situazione del comparto.

Secondo Capurro “abbiamo bisogno di poter lavorare rispettando la sicurezza di tutti, così come già fanno tutti i nostri associati seguendo un protocollo molto rigido. Si colpiscano quei pochi che non rispettano le regole danneggiando un comparto fatto per la stragrande maggioranza di imprenditori seri. Devo poi aggiungere, con grande rammarico, che ormai circa 3 mesi fa abbiamo fatto richiesta per il riconoscimento dello stato di crisi del settore. Risposte? Assolutamente nessuna, se non queste voci su ulteriori strette. Così proprio non va”, ha concluso.