“Willy? Non so nemmeno come è fatto”, la difesa di Bianchi 

Pubblicato da in data 7 Ottobre 2020

Willy? Non so nemmeno come è fatto, la difesa di Bianchi

Fotogramma

Pubblicato il: 08/10/2020 11:27

“Willy? Io non saprei proprio come sia fatto, se dovessi descriverlo”. Così Gabriele Bianchi davanti al giudice di garanzia Giuseppe Boccarrato. E’ indagato per l’omicidio di Colleferro, insieme al fratello, a Mario Pincarelli e a Francesco Belleggia. “L’ho visto solo in tv quando sono state dette tutte quelle cose brutte sul mio conto e su quello di mio fratello. Ma non l’ho sfiorato con un dito”.

“Le dichiarazioni di Gabriele Bianchi – scrive ‘Giornalettismo.com’ – mettono in evidenza quale sia, al momento, la sua tesi difensiva. Quella, cioè, di non essere stato coinvolto direttamente nel pestaggio di Willy Monteiro Duarte, il 21enne ucciso nella rissa a Colleferro, davanti al locale ‘Duedipicche’, e anzi di non averlo mai visto in faccia, se non nei giorni successivi al tragico evento, in televisione”. La ricostruzione, dunque, dopo le domande del giudice, si fa ancora più confusa. Gabriele Bianchi si ritiene responsabile solo di una spinta nei confronti di Emanuele Cenciarelli, l’amico che Willy ha difeso prima di essere ucciso.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background