Covid, l’allarme di Crisanti sull’aumento dei casi 

Pubblicato da in data 13 Ottobre 2020

Covid, l'allarme di Crisanti sull'aumento dei casi

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 14/10/2020 09:38

“Continuiamo ad inseguire il virus, il tracciamento non sta funzionando. I tamponi rapidi potranno creare ancora più confusione, sono meno affidabili”. Così il professor Andrea Crisanti, direttore Microbiologia e virologia dell’università di Padova, ospite di ‘Omnibus’ su La7.

“La situazione è destinata a peggiorare, l’aumento di casi è inevitabile”, sottolinea aggiungendo: “Due mesi fa avevo proposto un piano per aumentare drammaticamente la capacità di tracciamento, non è stato preso in considerazione. Ora ci mettiamo una pezza con i test rapidi che hanno una capacità e prestazioni molto inferiori e creeranno solo confusione”.

L’esperto fa l’esempio del Veneto: “Abbiamo avuto circa 350 casi e abbiamo avuto 600 persone in isolamento. E’ questo che mi preoccupa, perché ogni caso ha circa in genere 10-15 contatti, quindi avremmo dovuto isolare 5mila persone e invece abbiamo isolato solo il 5%. Quindi ci sono in giro 8-9 contatti che sono in giro in consapevoli. Per il futuro mi preoccupa il collasso totale di fare il tracciamento”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background