Pensioni, accertamento in vita per assegni all’estero 

Pubblicato da in data 14 Ottobre 2020

Pensioni, accertamento in vita per assegni all'estero

(Fotogramma)

Pubblicato il: 15/10/2020 15:00

Nei prossimi giorni i pensionati che riscuotono all’estero riceveranno da Citibank Na i moduli di richiesta di attestazione dell’esistenza in vita. Partirà così l’operazione Inps relativa all’’accertamento dell’esistenza in vita dei pensionati all’estero che , si legge in una nota, “riveste particolare importanza, in quanto la difficoltà di acquisire informazioni complete, aggiornate e tempestive in merito al decesso dei pensionati espone l’istituto al concreto rischio di erogare pagamenti post mortem non dovuti, difficilmente recuperabili”.

La campagna annuale di accertamento dell’esistenza in vita dei pensionati all’estero viene effettuata da Citibank NA, l’Istituto di credito che esegue i pagamenti al di fuori del territorio nazionale per conto dell’Inps. Questa verifica generalizzata contribuisce in via generale, prosegue la nota, ad assicurare la correttezza dei pagamenti pensionistici e ad impedire che risorse pubbliche siano erogate indebitamente.

Con riferimento ai pensionati residenti nel Continente americano, l’attestazione dell’esistenza in vita dovrà pervenire alla banca entro il mese di febbraio 2021. Qualora il processo di verifica non sia completato entro il termine fissato, l’Istituto assicurerà comunque l’erogazione della rata di marzo 2021 in contanti presso le Agenzie di Western Union. Solamente in caso di mancata riscossione personale o di mancata produzione dell’attestazione di esistenza in vita entro i primi giorni del mese di marzo 2021, il pagamento della pensione sarà sospeso dalla banca a partire dalla successiva rata di aprile 2021. Analoghe modalità sono state adottate nei riguardi dei pensionati residenti nei paesi scandinavi, negli Stati dell’est Europa e paesi limitrofi, in Asia, Medio ed Estremo Oriente.

Inoltre, Citibank NA ha avviato in questi giorni anche la spedizione dei moduli di richiesta di attestazione ai pensionati residenti in Europa, Africa e Oceania. Complessivamente saranno inviate 131.135 lettere.

Ci saranno 4 mesi di tempo per attestare l’esistenza in vita ma a cuasa del Covid 19 non ci sarà piu bisogno che i pensionati, come in passato, si rechino presso gli uffici consolari, Patronati o autorità locali: dovranno indicare il proprio indirizzo di posta elettronica nel modulo di attestazione dell’esistenza in vita da inviare a Citibank NA, al fine di rendere più agevole l’interlocuzione con la banca. Sul portale internet dell’Istituto comunque è stata pubblicata un’apposita pagina dedicata con nformazioni aggiornate sulla campagna di verifica dell’esistenza in vita dei pensionati che riscuotono all’estero.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background